7.936 CONDIVISIONI
22 Novembre 2015
10:58

Valeria, uccisa a Parigi da due colpi. Il fidanzato: “Mi sono finto morto”

Sono arrivati i I risultati dell’esame medico sulla salma della giovane uccisa al teatro Bataclan. I funerali della studentessa veneziana sono in programma per martedì in Piazza San Marco. Spezzano il cuore, intanto, le parole del suo fidanzato, Andrea.
A cura di Biagio Chiariello
7.936 CONDIVISIONI

Il primo colpo sul lato sinistro della faccia, il secondo, fatale, alla spalla sinistra perché il proiettile avrebbe raggiunto un polmone. Così è stata uccisa Valeria Solesin, la studentessa italiana di 28 anni, morta negli attentati di Parigi di venerdì 13 novembre. Entrambi i proiettili avrebbero raggiunto la vittima dall'alto. Sono le indicazioni che – apprende l'Ansa da fonti bene informate – sarebbero giunte dall'autopsia sul cadavere della ragazza effettuata all'ospedale di Mestre. L’adempimento medico – sono state effettuate anche delle Tac – è stato richiesto dalle inchieste aperte da due diverse Procure, Roma e Venezia, sull’uccisione della ricercatrice veneziana al teatro Bataclan.

I funerali di Valeria sono previsti per martedì in Piazza San Marco, nella sua Venezia. Saranno funerali di Stato: ci sarà il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e atteso anche il premier Matteo Renzi: l’area sarà chiusa, saranno operativi per la sicurezza quattrocento agenti. Già da oggi, e fino a domani, la bara della 28enne sarà esposta al pubblico per l'estremo saluto dei concittadini nell'androne del municipio a Ca' Farsetti, sede del Comune, davanti al Canal Grande.

L'arrivo del feretro da Parigi è stata una prova molto dura per i familiari di Valeria. Il fratello Dario, rimasto in questi giorni a Venezia, si è lasciato andare in lacrime; la nonna, è stata colta da un malore;  genitori, hanno ricevuto l'abbraccio del ministro dell'istruzione, Stefania Giannini, arrivata in rappresentanza delle Istituzioni, e quello del sindaco veneziano, Luigi Brugnaro, e del governatore del Veneto, Luca Zaia.

“Per due ore mi sono finto morto e sono stato abbracciato a Valeria. I terroristi dell’Isis passavano tra i feriti del teatro Bataclan per dare il colpo di grazia alle vittime”. Sono le parole di Andrea Ravagnani, fidanzato di Valeria Solesin. Il giovane è stato sentito dalla procura di Venezia subito dopo essere arrivato in Italia con lo stesso aereo di Stato che ha riportato in Italia la ragazza uccisa dai jihadisti.

7.936 CONDIVISIONI
Missili ipersonici su Odessa, colpiti due hotel e un centro commerciale: almeno 1 morto e 5 feriti
Missili ipersonici su Odessa, colpiti due hotel e un centro commerciale: almeno 1 morto e 5 feriti
Alice Scagni uccisa a coltellate dal fratello, la madre: "Ho perso due figli per incuria delle autorità"
Alice Scagni uccisa a coltellate dal fratello, la madre: "Ho perso due figli per incuria delle autorità"
Vadim, primo soldato russo a dichiararsi colpevole di crimini di guerra: "Ho ucciso anziano disarmato"
Vadim, primo soldato russo a dichiararsi colpevole di crimini di guerra: "Ho ucciso anziano disarmato"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni