622 CONDIVISIONI
18 Gennaio 2022
07:52

Tonga non esiste più: l’eruzione ricopre l’isola di cenere, silenzio dal giorno dello tsunami

Col blackout di internet e comunicazioni, Tonga è tagliata fuori dal mondo. E tra carenza di acqua potabile e timori per i veleni delle ceneri, lo scenario che si prospetta nel piccolo arcipelago del Pacifico è quello di una nuova emergenza umanitaria.
A cura di Biagio Chiariello
622 CONDIVISIONI

Le isole di Tonga sono praticamente sparite dopo la nuova eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Hàapa e dallo tsnunami. Con l'aeroporto avvolto dalla cenere, senza internet, in black-out elettrico, le linee telefoniche interrotte e i cavi sottomarini spezzati, il piccolo arcipelago del Pacifico è tagliato fuori dal mondo: nessuna comunicazione è partita dalle isole, nessuna comunicazione le ha raggiunte. E la carenza di acqua potabile, oltre che i veleni delle ceneri, fanno temere per una possibile crisi umanitaria.

Stato di emergenza dopo l'esplosione del vulcano

L'Alto Commissario ad interim della Nuova Zelanda a Tonga, Peter Lund, ha comunicato che il governo locale ha dichiarato lo stato di emergenza. Non è ancora chiara l'entità dei danni e delle vittime (al momento si parla di 3 morti, solo uno confermato). Il Pacific Tsunami Warning Center (Ptwc), con sede alle Hawaii, ha affermato di aver localizzato grandi onde anomale nella regione: "Potrebbero essere state generate da un'altra esplosione del vulcano a Tonga", visto che "non sono noti terremoti di dimensioni significative" che possano averlo fatto.

La situazione a Tonga

Una delle pochi voci che arriva da Tonga è quella della corrispondente di 1News Pacific, Barbara Dreaver. La cronista afferma che “un cavo sottomarino è stato distrutto in due punti dall’eruzione” e uno di questi due segmenti “si trova in prossimità del vulcano”. L’aeronautica neozalendese sta ora conducendo una missione per verificare più precisamente l’entità del danno. Nel post su Facebook, ha affermato almeno centinaia di residenti sono impegnati per sbarazzarsi dello "spesso film di cenere", in particolare quello sulla pista principale dell'aeroporto di Nuku'alofa, nella speranza che il primo volo di soccorso possa arrivare quanto prima, ma c'è "molta strada da fare", ha Dreaver.

80mila persone in condizioni disagiate

Sui social media si moltiplicano intanto gli appelli ad aiutare gli abitanti di Tonga. Secondo la Federazione internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (Ifrc), fino a 80mila persone potrebbero essere in condizioni disagiate. La stessa giornalista di 1News Pacific ha parlato di "danni agli edifici". Al momento, stando a quanto riporta Dreaver, la nave che si deve occupare delle riparazioni si trova in Papua Nuova Guinea. I tempi stimati per ristabilire le comunicazioni sono quindi di “oltre due settimane”. l ministro australiano per il Pacifico, Zed Seselja, ha dichiarato che le prime ricognizioni effettuate sembrano comunque escludere un bilancio catastrofico in termini di vite umane. “Sappiamo che ci sono danni significativi anche ai resort turistici”, ha detto il ministro. “Lo tsunami ha avuto un impatto significativo sulla costa settentrionale di Nuku’alofa, la capitale di Tonga, la situazione è calma e stabile, tuttavia, l’arcipelago ha bisogno di rifornimenti d’acqua perché la nube di cenere ha causato la contaminazione” ha detto il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern.

Una vittima confermata, stava cercando di salvare i suoi cani

Una cittadina britannica, Angela Glover, 50enne originaria di Brighton, è la prima vittima confermata dello tsunami che ha colpito Tonga. Ne ha dato notizia il fratello Nick Eleini, citato dalla Bbc, precisando che il corpo è stato ritrovato da suo marito James. L'uomo si è salvato perché è riuscito ad aggrapparsi a un albero quando è arrivata l'onda distruttiva. La donna, 50 anni, che gestiva un'organizzazione per il recupero e la cura dei cani randagi, sarebbe morta mentre cercava di trarre in salvo i suoi cani.

Angela Glover
Angela Glover
622 CONDIVISIONI
L’eruzione da record di Tonga: “È la più grande esplosione mai registrata nell’atmosfera”
L’eruzione da record di Tonga: “È la più grande esplosione mai registrata nell’atmosfera”
Silvia: “Ero NoVax e vivevo sommersa dalla spazzatura”
Silvia: “Ero NoVax e vivevo sommersa dalla spazzatura”
Perché abbiamo il cognome? Dalle sua storia alla sentenza della Corte Costituzionale in Italia
Perché abbiamo il cognome? Dalle sua storia alla sentenza della Corte Costituzionale in Italia
64 di Cose Vere
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni