Screen da Newsflash.
in foto: Screen da Newsflash.

Si è tuffato da una scogliera alta 36 metri, andando a impattare contro una barca turistica che passava da quelle parti e per lui non c'è stato nulla da fare. Tragedia in Libano, dove Fahd Ibrahim Jamil Al-Lakma, giovane di origine siriana di cui non sono stati resi noti altri particolari, è saltato dal lato delle rocce Raouche a Beirut, attività popolare tra i giovani del posto, domenica scorsa. Il ragazzo non ha sentito nemmeno le grida di avvertimento degli spettatori che lo avvisavano di una barca proprio sotto di lui, invisibile dal suo punto di osservazione, molto alto. La scena è stata ripresa con alcuni smartphone e il video dell'incidente ha fatto ben presto il giro del mondo, finendo sui media inglesi.

Come riporta il Daily Mail, la piccola imbarcazione che è stata centrata dal giovane era piena di turisti ed era appena uscita da una piccola grotta sotto la scogliera. L'uomo che si è poi lanciato evidentemente non l'aveva vista da quella altezza. Ad un certo punto si sono sentiti dei rantoli quando Fahd, proveniente dalla città di Hajin nella zona orientale della Siria, si è scontrato con la barca, impattando con la testa. Un tonfo devastante, vista l'altezza di poco inferiore ai 40 metri. Dall'altra parte della scogliera qualcuno che riprendeva la scena ha tentato un disperato urlo per bloccare l'uomo, ma tutto è stato inutile. Agenti della Protezione civile libanese hanno tirato fuori dall'acqua il corpo del giovane e lo hanno trasferito in ospedale, dove i medici non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso. Ferito anche il capitano della barca, che è stato portato al pronto soccorso per un controllo.