Aveva picchiato un anziano ospite della casa di cura a pugni e schiaffi nella sua camera riprendendosi anche in un video ma nessuno aveva detto nulla e nessuno se ne era accorto fino a quando qualcuno non ha pubblicato il filmato sui social facendolo diventare virale. Il caso a Detroit, nello stato del Michigan, in Usa. Protagonista del gesto un ragazzo di venti anni, identificato e arrestato dalla polizia locale giovedì dopo che il video circolato sui social media è stato segnalato alle autorità locali. Il capo della polizia di Detroit, James Craig, ha dichiarato che il dipartimento sta indagando sull'incidente che si sarebbe verificato nel Westwood Nursing Center, una casa di cura nel nord-ovest della città americana.

"La casa di cura non era a conoscenza dell'aggressione e lo ha scoperto solo quando ha visto il video", ha sottolineato Craig durante una conferenza stampa giovedì, aggiungendo: "Stiamo ancora indagando su questo aspetto del caso, ma abbiamo in custodia il sospetto". Gli stessi inquirenti hanno spiegato che dagli accertamenti è emerso che sia la vittima di 75 anni che il sospettato sono pazienti nella casa di cura dove è avvenuta l’aggressione.

A far scattare l’intervento degli agenti un video che sarebbe stato girato il 15 maggio scorso e poi pubblicato pochi giorni dopo sui social media e condiviso più volte dagli utenti, preoccupati per l’accaduto. La vittima è stata portata in un ospedale locale dove è stata curata per le lesioni che non sarebbero gravi. Il sospettato invece è stato condotto in carcere. Si indaga ora su altri episodi che sarebbero avvenuti nella stessa struttura ad opera del ventenne. In particolare circolerebbero altri video in cui picchierebbe altri anziani ospiti.