Un tremendo boato, poi l’assurda scena: un intero parco giochi immerso nel verde sprofondato con tutti giochini per bimbi e i campetti su un parcheggio sottostante. È l’incredibile scena a cui hanno assistito nelle scorse residenti di un quartiere residenziale a Santander, nel nord della Spagna. Sul posto sono accorse immediatamente diverse squadre di vigili del fuoco, ambulanze e forze di polizia ma fortunatamente per ora non ci sono notizie di morti o feriti. Il crollo nelle prime ore di oggi, lunedì 13 genio. L’allarme è scattato intorno alle 6.30 del mattino quando gli abitanti della zona sono stati svegliati di soprassalto da un forte boato. Quando si sono affacciati dai balconi, alla loro vista si è presentata una scena assurda: l’intero parco giochi comune a più palazzi era sprofondato sui parcheggi sottostanti.

Il parco crollato, che comprendeva vari giochi per bimbi e anche un campetto da calcio, era stato costruito su un grande parcheggio sotterraneo che poteva ospitare oltre cinquecento auto in un'area di recente urbanizzazione nei pressi di un centro commerciale non lontano dall'autostrada. Vista la vastità del crollo si è subito temuto una tragedia ma fortunatamente, dopo alcune ore di verifiche, non sono state individuate vittime e non vi è alcun residente del posto che manca all’appello.

Il crollo del parco giochi però poteva essere una tragedia se fosse avvenuto di giorno con persone nel parcheggio e soprattutto bimbi a giocare nel parco. Al momento le ricerche dei servizi di emergenza continuano alla ricerca di eventuali persone non segnalate. Contemporaneamente sono scattate già le verifiche dei tecnici e degli ingeneri per capire i motivi di un crollo così repentino della struttura. Le prime ipotesi parlano di un terreno impregnato di acqua che in mancanza di adeguate strutture di drenaggio sarebbe crollato