27 Giugno 2018
15:44

Nuova Zelanda, tremendo frontale tra due auto: muoiono sei persone, tra queste una neonata

A causare l’incidente probabilmente una serie di fattori come l’alta velocità e la presenza di ghiaccio sulla strada. La polizia: “Siamo sconvolti, non avevamo mai visto nulla del genere”.
A cura di D. F.

C'è anche una neonata tra le sei persone morte in un devastante incidente automobilistico a  Taranaki, in Nuova Zelanda. Secondo la polizia dice è possibile che altre due persone ferite e ricoverate in condizioni possano perdere la vita nelle prossime ore. L'incidente è avvenuto lungo una strada statale: due automobili si sono scontrate frontalmente: i quattro occupanti della prima, e gli altri due della seconda, sono morti sul colpo. Due soli i superstiti: si tratta di una donna e di una bambina di otto anni, entrambe trasportate in ospedale in gravissime condizioni.

La gravità dell'incidente ha sconvolto anche gli agenti di polizia: l'ispettore Dave White, capo della polizia stradale del distretto centrale, ha detto che l'incidente è stato "una tragedia assoluta". "Affrontare un caso del genere è semplicemente devastante. Non ho parole per descrivere cosa proviamo io e i miei uomini". La polizia non è stata ancora in grado di fornire i dettagli sulla causa scatenante dell'incidente, ma con ogni probabilità è da rintracciare nelle condizioni della strada, che quando è avvenuto lo schianti era ghiacciata. Una concausa potrebbe però essere l'alta velocità: sempre secondo la polizia stradale infatti e due automobili che si sono scontrate procedevano a non meno di 85 chilometri orari su un fondo stradale piuttosto insicuro.

Foggia,
Foggia, "frontale" tra camion e furgone sull'Adriatica: due morti
Francia: due neonati congelati trovati in un freezer, fermata una donna
Francia: due neonati congelati trovati in un freezer, fermata una donna
Agrigento, scontro tra 3 auto, due morti sul colpo e due feriti: uno è in gravi condizioni
Agrigento, scontro tra 3 auto, due morti sul colpo e due feriti: uno è in gravi condizioni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni