Quasi 100 persone sono state uccise in un attacco avvenuto in un villaggio nel Mali centrale, abitato dal gruppo etnico Dogon, riferiscono i rapporti, citati dall'agenzia di stampa francese RFI. I fatti sono avvenuti a Sobane-Kou, vicino alla città di Sanga. "Abbiamo 95 civili uccisi al momento, i corpi sono bruciati, continuiamo a cercare cadaveri", ha detto un funzionario del comune di Koundou (distretto di Koro). Il villaggio, che contava circa 300 abitanti, "è stato quasi raso al suolo", ha raccontato una fonte di sicurezza parlando di 95 morti.

Sono stati numerosi gli attacchi in Mali negli ultimi mesi, alcuni di origine etnica, alcuni realizzati da gruppi jihadisti. Gli scontri tra cacciatori di Dogon e pastori Fulani semi-nomadi sono frequenti.
Lo scorso marzo circa 160 persone di etnia Fulani sono state massacrate in una serie di blitz armati nella regione centrale di Mopti. Secondo i funzionari locali, gli autori dell'attacco erano membri di una milizia di etnia Dogon. Gli scontri tra i due gruppi sono aumentati da una rivolta militante islamista nel nord del Mali nel 2012.

Il popolo Dogon ha vissuto nel Mali centrale per secoli e ha vissuto uno stile di vita ampiamente tradizionale. I Fulani, d'altra parte, sono pastori semi-nomadi che si muovono su grandi distanze nell'Africa occidentale. L'attrito tra i due gruppi sulle è di vecchia data. In precedenza, i disaccordi tra Fulani e Dogon erano stati spesso risolti attraverso negoziati, ma la rivolta – che si diffuse al centro del Mali entro il 2015 – ha diminuito il controllo del governo e aumentato la disponibilità di armi.