Sostiene di sentirsi "doppiamente affranta", Antonia Croft, di Wavertree, che ha perso il padre lo scorso novembre. La 28enne accusa infatti il comune di aver dissacrato la tomba del genitore. La donna, madre di due figli, aveva decorato la lapide nel cimitero di Smithdown a Liverpool con alcuni cimeli, tra cui i CD e le foto preferite del papà, riporta Liverpool Echo. Oggetti che sarebbero "buttati via con noncuranza" perché i lavoratori del potessero abbattere un albero danneggiato nella tempesta della scorsa settimana. Un portavoce del consiglio ha detto che Antonia è stata avvisata di rimuovere tutti gli oggetti intorno al sito entro la giornata di ieri, 2 ottobre. Ma quando si è recata sul posto, è stata "portata via" dagli stessi operai che le avrebbero detto che la zona non era sicura. Sostiene di essere tornata il giorno seguente per scoprire gli oggetti, inclusa una croce, gettati all'altra parte del cimitero e in parte danneggiati.

Antonia ha pubblicato alcune foto in cui si vede chiaramente la condizioni in cui è stata lasciata la tomba, praticamente spoglia di tutto. "È come una doppia angoscia, mio ​​padre era una persona così spumeggiante, divertente e premurosa, e continuo a vederlo camminare per strada. Ho voluto che la sua tomba fosse un po’ come lui. Ma in fondo ora è tornata a com'era quando l'ho seppellito per la prima volta” dice la 28enne inglese.

Un portavoce del consiglio di Liverpool ha confermato che la scorsa settimana uno degli alberi più vecchi del cimitero di Smithdown è stato "gravemente danneggiato" a causa del vento forte. "Siamo stati informati che le condizioni dell'albero potrebbero rappresentare una minaccia per la sicurezza pubblica, quindi non abbiamo avuto altra scelta che prendere provvedimenti immediati per renderlo sicuro. Un membro del personale del cimitero ha incontrato un membro della famiglia presso la tomba e le è stato consigliato di rimuovere tutti gli oggetti dalla tomba perché non potevamo garantire che non sarebbero stati danneggiati durante il lavoro di sicurezza. Tutti gli oggetti che erano stati lasciati sulla lapide sono stati rimossi dallo staff del cimitero e posizionati il ​​più vicino possibile alla tomba. La sicurezza del pubblico in generale rimane la nostra principale preoccupazione e l'area rimane inaccessibile".