Ha appena 34 anni ma sarà la più giovane premier del mondo: Sanna Marin, esponente del partito socialdemocratico, è stata nominata primo ministro della Finlandia per prendere il posto del dimissionario Antti Rinne. Marin, attualmente ministro dei trasporti, sarà anche la più giovane premier finlandese di sempre. È probabile, secondo i media del paese nordeuropeo, che il parlamento approverà rapidamente la nomina della trentaquattrenne e del suo nuovo governo e che di conseguenza sarà lei a rappresentare la Finlandia al vertice Ue del 12-13 dicembre a Bruxelles. La Finlandia detiene attualmente la presidenza di turno dell'Unione Europea e la manterrà fino alla fine dell'anno. Rinne, in carica da giugno scorso, si era visto ritirare l'appoggio del suo principale alleato, il Partito di centro, dopo pesanti critiche sulla gestione del servizio postale di proprietà statale.

Sanna Marin sarà dunque la giovane leader di un governo, quello finlandese, comprendente altri quattro partiti di centrosinistra, tutti guidati da donne: l’Alleanza di sinistra da Li Anderson, 32 anni; la Lega Verde da Maria Ohisalo, 34 anni; il Partito di Centro da Katri Kulmuni, 32 anni; il Partito Popolare Svedese di Finlandia, che rappresenta la minoranza linguistica svedese del paese, di Anna-Maja Henriksson, 55 anni.

Marin è nata a Helsinki, ha conseguito una laurea all’Università di Tampere in Scienze amministrative nel 2012 e, nello stesso anno, è stata eletta consigliera comunale di Tampere, diventandone poi la presidente. Contemporaneamente ha fatto carriera all’interno del Partito Socialdemocratico. Nel 2015 è diventata parlamentare ed è stata rieletta quattro anni più tardi diventando, nel giugno del 2019, ministra dei Trasporti. Fa parte dell’ala più di sinistra del partito.