9 Agosto 2021
14:10

In Cina più di 30 funzionari sono stati puniti a causa dell’ultima ondata di Covid

Sono oltre 30, secondo quanto riportato dal Global Times, i funzionari di quattro province cinesi dove si sono registrati i nuovi casi di Covid-19. Nell’ultimo bollettino i contagi sono stati 124. “Reazione lenta e gestione inadeguata” le accuse mosse dal governo a vicesindaci, consiglieri, capi delle commissioni sanitarie locali, dirigenti ospedalieri e funzionari dell’industria aeroportuale e del turismo.
A cura di Chiara Ammendola

Vicesindaci, consiglieri, capi delle commissioni sanitarie locali, dirigenti ospedalieri e funzionari dell'industria aeroportuale e del turismo. Sono queste le cariche degli oltre 30 funzionari di quattro province cinesi puniti per non aver saputo gestire la nuova ondata di Coronvirus in Cina: si tratta di sanzioni applicate dal governo cinese, secondo quanto riportato dal quotidiano "Global Times", a causa della "reazione lenta" e della "gestione inadeguata" da parte dei funzionari responsabili di aver lasciato che il virus tornasse a diffondersi.

Reazione lenta e gestione inadeguata

In Cina infatti per evitare che i contagi da Covid-19 tornino ad aumentare, è stata applicata una politica zero Covid che permette, in parte, di poter vivere normalmente. Si tratta di protocolli e norme rigidissime che prevedono, in caso di epidemie, risposte immediate con test di massa, restrizioni all'uscita, tracciabilità dei contatti e quarantena. Rigide restrizioni si applicano anche a coloro che entrano nel Paese e che devono essere in una struttura di quarantena per almeno due settimane. Queste norme non hanno però impedito alla variante Delta di arrivare in Cina dando vita a diversi focolai in particolare provincia di Henan e in quella di Jiangsu, dove si trova la capitale Nanchino dal cui aeroporto sarebbe partito il focolaio tre settimane fa. Finora sono state segnalate più di 900 infezioni con la variante a livello nazionale: nell'ultimo bollettino, pubblicato stamani dalla Commissione sanitaria nazionale e riportati dall'agenzia Xinhua, sono 125 i nuovi casi confermati di Covid-19. Nello specifico sono 94 nuovi casi di "trasmissione locale" del coronavirus accertati ieri, 41 dei quali nella provincia di Henan e 38 in quella di Jiangsu ), e di altri 31 "casi importati".

Il focolaio di Nanchino è un campanello d'allarme

Ed è proprio a Nanchino che sabato almeno 15 funzionari sono stati sanzionati a causa dell'inefficace prevenzione e controllo dell'epidemia nell'aeroporto dove è nato il focolaio. Mentre nella città turistica di Zhangjiajie, nella provincia di Hunan, sono 20, tra funzionari e titolari di incarichi pubblici, ad essere stati puniti per la "debole risposta" data nell'affrontare i nuovi contagi. "Questo focolaio è un campanello d'allarme per tutti noi: il virus può sfuggire al nostro controllo in qualsiasi momento quando allentiamo i controlli. Dobbiamo sempre stringere la corda della prevenzione dell'epidemia", ha spiegato Wang Peiyu, vicedirettore della School of Public Health dell'Università di Pechino.

Che cos’è la regola delle due G, la strategia della Germania contro la quarta ondata Covid
Che cos’è la regola delle due G, la strategia della Germania contro la quarta ondata Covid
Quarta ondata Covid, Vo’ Euganeo ultimo comune padovano per vaccinazioni: “Dobbiamo accelerare”
Quarta ondata Covid, Vo’ Euganeo ultimo comune padovano per vaccinazioni: “Dobbiamo accelerare”
Quali sono i Paesi europei che hanno introdotto lockdown e restrizioni contro la quarta ondata Covid
Quali sono i Paesi europei che hanno introdotto lockdown e restrizioni contro la quarta ondata Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni