593 CONDIVISIONI
Coronavirus
30 Luglio 2021
11:25

In Cina c’è il peggior picco di contagi da Covid dai tempi di Wuhan

In Cina si sarebbe sviluppato il focolaio più esteso di Covid-19 dai tempi di Wuhan: si tratta del cluster sviluppatosi tra il personale delle pulizie dell’aeroporto di Nanchino, a cui sarebbero collegati 200 casi di positività alla variante Delta. Il virus da qui si sarebbe già diffuso in altre 13 città, tra cui Pechino.
A cura di Ida Artiaco
593 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

In Cina si sarebbe sviluppato il focolaio più esteso di Covid-19 dai tempi di Wuhan. Lo riportano i media locali, citati da un articolo della BBC, in riferimento alla situazione preoccupante che si sta verificando a Nanchino, capoluogo della provincia orientale di Jiangsu a circa 300 chilometri da Shanghai. Al momento, secondo le autorità sanitarie locali, sono circa 200 le persone infettate da quando il virus è stato rilevato per la prima volta nell'affollato aeroporto della città il 20 luglio scorso. È qui che sarebbe scoppiato il cluster tra il personale delle pulizie. Tutti i voli saranno sospesi fino all'11 agosto, ha affermato il quotidiano Global Times citando una fonte interna. È stato quindi imposto un semi-lockdown. Quasi tutte le attività commerciali e sociali sono state sospese e i quartieri considerati ad alto rischio sono stati transennati. I taxi non possono lasciare la città.

Intanto, per fermare l'avanzata del Coronavirus, tutti i 9,3 milioni di cittadini, compresi i non residenti, verranno sottoposti nei prossimi giorni ad un test di massa, che sono cominciati lo scorso 21 luglio. Le nuove infezioni sarebbero tutte collegate alla variante Delta e stando agli ultimi bollettini pare che il virus sia già arrivato in almeno 13 città, tra cui Chengdu e la capitale Pechino, dove sono stati registrati due nuovi casi, marito e moglie che si erano recati di recente in una città nella provincia di Hunan collegata a un altro cluster, dopo ben sei mesi. Cresce infatti anche la preoccupazione per un secondo possibile cluster, collegato a uno spettacolo che si è tenuto nel parco nazionale di Zhangjiajie, nella provincia di Hunan. Si ritiene che tre casi confermati nella città di Dalian, provincia di Liaoning, siano passati dall'aeroporto di Nanchino prima di recarsi a Zhangjiajie.

Funzionari locali a Nanchino hanno affermato che sette dei contagiati attualmente sono in condizioni critiche. Il nuovo picco di casi ha portato alcuni sui social media cinesi a speculare sul fatto che i vaccini cinesi non stiano funzionando contro la variante Delta, ma al momento non è ancora noto se coloro che sono risultati positivi al tampone siano stati vaccinato o meno.  Secondo i dati diffusi dalla Commissione nazionale per la Sanità, nel Paese si sono contati nelle scorse 24 ore 49 nuovi contagi, che portano a 177 il numero totale di casi a livello nazionale. Sebbene i numeri siano ancora contenuti, la diffusione del virus – evidenzia la Cnn – sta suscitando allarme tra i leader del Paese del Dragone, dove da un anno i casi, stando ai dati ufficiali, sono molto bassi.

593 CONDIVISIONI
27105 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni