1.314 CONDIVISIONI
23 Novembre 2022
09:41

Diciassette decapitazioni in 11 giorni: l’orrore della pena di morte in Arabia Saudita

Negli ultimi 11 giorni in Arabia Saudita sono state decapitate 17 persone per reati legati alla droga e al contrabbando. 144 le condanne eseguite nel 2022.
A cura di Davide Falcioni
1.314 CONDIVISIONI

Secondo la portavoce dell’Alto Commissario Onu per i Diritti Umani, Liz Throssell, l'Arabia Saudita avrebbe giustiziato 17 persone negli ultimi 11 giorni per una seria di reati legati alla droga e al contrabbando. "Nelle ultime due settimane le esecuzioni sono avvenute quasi quotidianamente in Arabia Saudita dopo che le autorità hanno posto fine a una moratoria non ufficiale di 21 mesi sull'uso della pena di morte per reati legati alla droga", ha affermato Throssell. I giustiziati sono quattro siriani, tre pachistani, tre giordani e sette sauditi.

L'Arabia Saudita utilizza la decapitazione come principale metodo per eseguire le condanne a morte, che nel solo 2022 sono state 144, numero più alto anche rispetto alla somma dei due anni precedenti. "La ripresa delle esecuzioni per reati legati alla droga in Arabia Saudita è un passo profondamente deplorevole – ha aggiunto Throssell -, a maggior ragione pochi giorni dopo che un'ampia maggioranza dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha chiesto una moratoria sulla pena di morte in tutto il mondo".

La funzionaria delle Nazioni Unite ha ricordato che imporre la pena capitale per reati di droga è incompatibile con le norme e gli standard internazionali. "Chiediamo alle autorità saudite di adottare una moratoria formale sulle esecuzioni per reati legati alla droga, di commutare le condanne a morte per reati legati alla droga e di garantire il diritto a un processo equo per tutti gli imputati, compresi quelli accusati di tali reati, in linea con gli obblighi internazionali".

Le ultime esecuzioni sono state condotte mentre il principe ereditario Mohammed bin Salman assisteva, accanto al presidente della FIFA Gianni Infantino, alla cerimonia di apertura della Coppa del Mondo di calcio. L'organizzazione per i diritti umani Reprieve ha portato l'attenzione sul caso di Hussein, un tassista che sta per essere giustiziato in un carcere saudita. L'uomo, padre di otto figli, è stato condannato a morte dopo il ritrovamento di pillole di anfetamine nascoste nel serbatoio di carburante della sua auto.

La direttrice di Reprieve Maya Foa ha commentato: "Mentre tutti gli occhi sono puntati sul calcio, l'Arabia Saudita sta conducendo un'orribile serie di esecuzioni, uccidendo persone come Hussein, un uomo innocente che è stato torturato dalla polizia saudita per farlo ‘confessare. Il Qatar è stato giustamente criticato per le sue violazioni di diritti umani, ma i suoi abusi impallidiscono rispetto al megastato del Golfo della porta accanto. L'Arabia Saudita ha giustiziato più persone che mai nei primi sei mesi di quest'anno e ora ha iniziato a giustiziare criminali per droga, in gran numero e in segreto, mentre il mondo si concentra sulla Coppa del Mondo di calcio".

1.314 CONDIVISIONI
Un suicidio di adolescenti ogni 11 minuti nel mondo: è la quinta causa di morte tra i 15 e i 19 anni
Un suicidio di adolescenti ogni 11 minuti nel mondo: è la quinta causa di morte tra i 15 e i 19 anni
"Cannibali, assassini e stupratori": tutti gli orrori della Wagner, la brigata russa della morte
Samanta, morta dopo un'iniezione di silicone al seno: la falsa estetista patteggia 4 anni a Modena
Samanta, morta dopo un'iniezione di silicone al seno: la falsa estetista patteggia 4 anni a Modena
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni