450 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Casa va a fuoco, papà salva sei figli e torna dentro per altri due: trovati tutti e 3 morti abbracciati

Un uomo di 55enne, dello Stato USA dell’Ohio, padre di otto bambini, è morto tenendo per mano due dei suoi ragazzi mentre cercava di salvarli da un incendio che ha distrutto la loro casa di famiglia. Mark Robinette era già riuscito a portare fuori tutti gli altri, inclusa sua moglie.
A cura di Biagio Chiariello
450 CONDIVISIONI

Immagine

Mark Robinette, 55 anni, pastore dell’Ohio, è morto abbracciato a due dei suoi 8 figli mentre cercava di salvarli da un incendio che ha devastato la loro casa di famiglia ad Orient, poco dopo la mezzanotte di martedì. L'uomo era riuscito a far uscire da una finestra dell'abitazione in fiamma sei bambini e a portare fuori anche sua moglie, Andrea, come ha confermato su Facebook sua cugina Haley McGuire. È poi tornare indietro per trarre in salve anche gli altri due rimasti. Ma non ce l'ha fatta.

Secondo un comunicato stampa del Dipartimento del Commercio dell'Ohio, i vigili del fuoco sono stati chiamati per un incendio in una residenza di Orient, Ohio, intorno alle 00:22 di martedì 23 gennaio. Il comunicato ha confermato che nell'incendio ci sono stati "tre morti di sesso maschile di età compresa tra 55, 17 e 10 anni". Dopo aver realizzato che Gideon, 17 anni, e Liam, 10, non erano fuori casa con gli altri, Mark è infatti  "tornato dentro, ma i tre non sono mai riusciti a uscire", ha scritto la cugina, aggiungendo che "è stato trovato mentre li teneva per mano, entrambi".

"Sua moglie e gli altri sei figli ora non hanno più nulla. Hanno perso tutto nell'incendio, compresi i telefonini", continua il post della nonna. La famiglia ora alloggia in un hotel, secondo l'emittente WBNS-TV. Le cause dell'incendio non sono ancora state rese note, ma non ci sarebbero "motivazioni sospette", secondo le autorità.

Nel frattempo, attorno a ciò che resta dell'abitazione, totalmente carbonizzata, è stato edificato un memoriale spontaneo con fiori, pupazzi e soprattutto biglietti di ricordo per Mark e i suoi cari. "Sono venuto qui solo per stare con la famiglia. Hanno perso tutto. Ora hanno bisogno di noi. Non hanno nemmeno più le scarpe" ha detto Mike Comer, un altro cugino di Robinette, all'emittente WLBT. "Avranno bisogno di aiuto, ma anche delle nostre preghiere e di tutto ciò che si può fare per loro", ha aggiunto.

Mark Robinette aveva fondato la Foundation Church nel 2000 a Mt. Sterling. Secondo il sito web della chiesa, lavorava come pastore diurno ed era nel ministero da oltre 20 anni.

450 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views