14 Aprile 2020
10:59

Il 14 aprile è arrivato ma le librerie sono tutte chiuse

Oggi è il giorno in cui, secondo il provvedimento del governo, le librerie italiane avrebbero dovuto riaprire. Al momento, tra ordinanze regionali più restrittive, librai che hanno deciso di non riaprire e la necessità di riorganizzare e sanificare gli ambienti, sono davvero poche le librerie che hanno effettivamente riaperto.
A cura di Redazione Cultura

Il 14 aprile è arrivato e le librerie italiane sono tutte (o quasi) chiuse. Da Nord a Sud, tra ordinanze regionali specifiche e più restrittive, librai ribelli, tra coloro che si stanno ancora organizzando per riaprire e quelli che invece hanno deciso di riaprire solo per pochi giorni alla settimana, che sia simbolo o bene essenziale, la battaglia del libro non è nemmeno iniziata, perché i librai sono sostanzialmente tutti chiusi. Tanto rumore per nulla? Chissà. Forse nei prossimi giorni se ne riparlerà. Intanto il nuovo provvedimento del governo che  doveva far ripartire gradualmente il nostro sistema economico e sociale, partendo da librerie e cartolibrerie, oltre che dibattiti e confusione, poco altro sta ottenendo.

Nelle regioni più colpite dal virus i governatori locali hanno emesso ordinanze che prolungano il lockdown. Resteranno chiuse le librerie in Lombardia, Piemonte, Campania, in buona parte dell’Emilia-Romagna (Piacenza, Rimini), in Trentino (qui però è consentita l’apertura delle cartolerie all’interno dei negozi alimentari) e in Sardegna. Nel Lazio invece la data è stata spostata in avanti al 20 aprile.

In Veneto, invece, data la nuova ordinanza che riapre parzialmente le attività, favorendo un lockdown soft: qui i librai potranno aprire per due giorni a settimana nei feriali, non nei festivi e nei prefestivi, oltretutto è vietata la ripresa delle attività per i negozi di libri interni ai centri commerciali. Cambiano, infine, da regione a regione i parametri per le distanze di sicurezza. In Veneto la distanza di sicurezza deve essere di almeno due metri. Anche la Toscana sceglie di aumentare la distanza di sicurezza tra persone da un metro e ottanta centimetri. Insomma, se volevamo l'Italia unita nel simbolo (o bene essenziale) del libro, se per carità di Patria non vogliamo chiamarlo flop, la partenza è quanto meno ritardata.

Chi è David Perry, l'eroe di Liverpool che ha chiuso il kamikaze nel taxi prima dell'esplosione
Chi è David Perry, l'eroe di Liverpool che ha chiuso il kamikaze nel taxi prima dell'esplosione
Le notizie del 14 novembre sul Coronavirus
Le notizie del 14 novembre sul Coronavirus
David Perry, chi è l’eroe di Liverpool che ha chiuso il kamikaze nel taxi prima dell’esplosione
David Perry, chi è l’eroe di Liverpool che ha chiuso il kamikaze nel taxi prima dell’esplosione
35 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni