26 Ottobre 2021
15:00

I libri su Imma Tataranni di Mariolina Venezia, la cronologia che ha ispirato la fiction Rai

Il 26 ottobre arriva su Rai Uno la nuova stagione della fiction Imma Tataranni, la serie ispirata al famoso ciclo di romanzi scritti da Mariolina Venezia e che racconta la storia di un sostituto della Procura di Matera dalla memoria geniale e dallo sconfinato intuito investigativo. Conosciamo meglio i romanzi dedicati a Imma Tataranni.

Il 26 ottobre arriva su Rai Uno la nuova stagione della fiction Imma Tataranni, la serie ispirata al famoso ciclo di romanzi scritti da Mariolina Venezia, che racconta la storia di un sostituto della Procura di Matera dalla memoria geniale e dallo sconfinato intuito investigativo.

I libri di Imma Tataranni in ordine cronologico

In totale, i libri che compongono l'antologia delle storie dedicate a Imma Tataranni sono 4, tutti pubblicati da Einaudi nella collana Super ET; ambientata nella suggestiva location di Matera, la serie vede Vanessa Scalera nei panni della protagonista ed è stata un piccolo successo. A confermarlo sono i numeri; l'ultima puntata della serie è stata vista da 4,8 milioni di spettatori. Ecco i quattro libri di Mariolina Venezia che hanno ispirato la fiction Imma Tataranni

Come piante tra i sassi. Imma Tataranni e la storia sepolta

"Come piante tra i sassi" è il primo romanzo della saga di Imma Tataranni e introduce chi legge alla personalità forte e incorruttibile di questo personaggio, una donna quarantenne in piena carriera che tenta di coniugare impegno professionale e una vita familiare resa ancora più travagliata dalle ribellioni adolescenziali di Valentina, sua figlia. Un personaggio femminile ben tratteggiato e "tridimensionale", fuori da ogni stereotipo, che cattura l'attenzione sin dalla primissima pagina, cercando di distinguersi in un mondo maschilista in cui le donne sono costrette a faticare il doppio per ottenere il riconoscimento che meritano.

Maltempo. Imma Tataranni e gli inciampi del presente

Maltempo, il secondo romanzo che Mariolina Venezia ha dedicato all'approfondimento dell'universo narrativo di Imma Tataranni, porta la giudice materana in quel di Roma insieme all'appuntato Calogiuri. La visita capitolina, però, non sarà una vacanza di piacere: la PM dovrà infatti occuparsi delle indagini relative al ritrovamento del cadavere di una ragazza, Donata, che l'aveva perseguitata per settimane, contattandola e millantando o di poterle fornire informazioni segrete accompagnate da rivelazioni inaspettate. Quale enigma si cela dietro la morte della giovane?

Rione Serra Venerdì. Imma Tataranni e le trappole del passato

La terza indagine di Imma Tataranni, sullo sfondo di una Basilicata rupestre, falcidiata dagli interessi delle lobby del petrolio e dagli spettri di una gentrificazione resa sempre più evidente dall'apertura di Matera al turismo di massa. Il romanzo prende le mosse dalla scoperta del cadavere di una ex compagna di scuola di Imma, Stella Pisicchio, sua vicina di banco ai tempi del liceo. La sua morte attira subito l’attenzione dei media, poiché la sventurata era considerata in città alla stregua di una specie di “zitella cronica” e, al momento del trapasso, indossava della biancheria intima. Cosa si cela dietro l'omicidio?

Via del Riscatto. Imma Tataranni e le incognite del futuro

L'ultimo dei romanzi dedicati a Imma Tataranni finora pubblicati: un'indagine che inizia con il ritrovamento del cadavere di un agente immobiliare con un passato in chiaroscuro, trovato abbandonato all'interno di un antico palazzo la cui vendita gli era stata affidata, situato in via del Riscatto. Al contempo, proseguono le crisi all'interno della famiglia della PM: l'amore con suo marito, l'amorevole Pietro, potrebbe essere finito, e sua figlia Valentina sta iniziando a radicalizzarsi.

Blanca, la trama del romanzo noir di Patrizia Rinaldi che ha ispirato la nuova fiction Rai
Blanca, la trama del romanzo noir di Patrizia Rinaldi che ha ispirato la nuova fiction Rai
Aurelio Picca al Premio Napoli: "Voglio 'conservare' la cultura e la storia della lingua italiana"
Aurelio Picca al Premio Napoli: "Voglio 'conservare' la cultura e la storia della lingua italiana"
Roberto Saviano è ancora vivo: "Il pensiero della morte mi ha aiutato nei primi anni di scorta"
Roberto Saviano è ancora vivo: "Il pensiero della morte mi ha aiutato nei primi anni di scorta"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni