Il ministro Dario Franceschini lancia ITsArt, confermando le indiscrezioni (con tanto di sito web già attivo) di questi giorni: “L’assenza di apertura fisica dei musei alle persone ha fatto esplorare le vie nuove della rete, ciò che la rete può offrirei per far arrivare l’offerta cultura direttamente nelle case: streaming per cinema e teatri, le visite virtuali per i musei". A dirlo, stamane, il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, intervenendo al convegno online More Museum, organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Firenze insieme a Muse e al Museo Novecento e che vede collegati una quarantina di direttori di musei italiani.

"Sulla base di questa esperienza abbiamo pensato già da alcuni mesi all’idea di una piattaforma della cultura. Ieri Cassa depositi e prestiti, che cura per lo Stato questo progetto, ha reso noto che, si chiamerà ‘ITsArt’ che offrirà in Italia e nel mondo la cultura italiana online e a pagamento. Un’offerta integrativa e mai sostitutiva dell’offerta naturale”.

Secondo il titolare del MiBact, impegnato in quanto capodelegazione del PD nella crisi di governo,  ITsArt “può espandere enormemente il numero di persone che si può avvicinare, senza i costi e i tempi dello spostamento fisico, a visitare un’istituzione culturale e spingerà ad avere voglia di visitarla realmente”.

Un paio di giorni fa era stata pubblicata una pagina web di un sito ancora in costruzione, con il nuovo logo e la presentazione dell'iniziativa in collaborazione tra MiBact, Chili e finanziata grazie all'ingresso di Cassa Depositi e Prestiti.