Stava tornando a casa dalla sua famiglia e dalle sue due bimbe in sella alla sua moto da poco comprata ma un tragico destino ha voluto che a casa non ci tornasse mai più, vittima di un terribile incidente stradale che lo ha ucciso. Diego Petruio, imprenditore marchigiano di 41 anni, è morto martedì pomeriggio sull’asfalto del centro abitato di San Biagio ad Osimo, in provincia di Ancona. Fatale per lui uno schianto violentissimo contro un furgone che proprio in quel momento si stava immettendo sulla strada e che il centauro ha centrato in pieno. Per Diego non c’è stato nulla da fare. Inutili per lui i successivi soccorsi allertati dai residenti del posto che son accorsi dopo aver sentito il terribile botto.

Quando i sanitari son accorsi sul luogo del sinistro hanno provato a rianimarlo ma purtroppo i medici si sono dovuti arrendere e dichiararne il decesso sul poso poco dopo. Illeso invece anche se sotto shock l’autista del furgone. L’uomo è stato sottoposto ai dovuti test per alcol e droga che sono risultati negativi. Sull’esatta dinamica della tragedia indagano ora gli uomini della polizia locale di Osimo che hanno svolto i rilievi del caso. Da una primissima ricostruzione dell’accaduto, il furgone guidato da un 40enne di Cingoli si stava immettendo sulla provinciale quando è sopraggiunta la moto col 41enne che non ha fatto in tempo a frenare impattando sul mezzo. Per Diego Petruio, papà di 2 bambine, non c'è stato niente da fare. Tantissima i messaggi di cordoglio online, soprattutto da parte di tante associazioni sportive che l’imprenditore sosteneva sul territorio attraverso la sua azienda. “Sei nei nostri cuori, nel nostro lavoro, nelle nostre lacrime e nei nostri sorrisi, che ti ricordano in ogni luogo. Grazie per la tua forza, la tua professionalità e l’intraprendenza Buon viaggio capo” è il commento sulla pagina dell’azienda