462 CONDIVISIONI
6 Giugno 2022
20:10

Studenti universitari costretti a dormire in stazione perché senza soldi, Caritas: “Fenomeno diffuso”

Studenti universitari costretti a dormire in stazione perché in difficoltà economiche. Accade a Bologna come denuncia la Caritas: “Spesso perdono le borse di studio e si ritrovano senza alloggio”.
A cura di Chiara Ammendola
462 CONDIVISIONI

Sempre più studenti sono costretti a dormire in stazione perché in difficoltà economiche. È questo il preoccupante allarme lanciato dal direttore della Caritas di Bologna, don Matteo Prosperini, che apre a una panoramica sul mondo universitario fatto di precarietà economica e di un numero sempre crescente di studenti che non riescono a permettersi un alloggio.

Secondo quanto denuncia la Caritas il fenomeno riguarda i tanti giovani, perlopiù fuorisede, che giungono a Bologna con una borsa di studio che permette loro di iscriversi all'Università e frequentare i corsi, spesso col supporto anche di un alloggio. “Poi però queste borse universitarie le perdono perché magari non stanno al passo con gli esami – spiega don Matteo Prosperini – talvolta perdono il loro alloggio e spesso finiscono per qualche tempo a dormire in stazione”.

A volte chiedono ospitalità ad altri studenti ma l'accoglienza dura poco e trovare un alloggio diventa difficile perché i prezzi sono piuttosto alti. Si tratta di situazioni che spesso si protraggono per molto tempo e che rischiano di diventare endemiche in un sistema dove c'è qualcosa che evidentemente non funziona e va riformato.

“Questo per noi è tema molto importante, siamo facendo anche incontri con i diversi attori in campo”, tra cui lo stesso Ateneo e Ergo, che gestisce gli studentati. Il primo obiettivo è avere un monitoraggio il più accurato possibile del fenomeno che coinvolge principalmente gli studenti fuorisede italiani o stranieri. Per questo il l sogno del direttore della Caritas bolognese, don Matteo Prosperini, sarebbe avere uno sportello direttamente all’interno dell’Università, visto l’alto numero di studenti in difficoltà economica. 

462 CONDIVISIONI
L'urlo degli studenti:
L'urlo degli studenti: "Costi impossibili, rischiamo di vivere come clochard e dormire in stazione"
Piccoli Comuni contro lo stralcio delle cartelle:
Piccoli Comuni contro lo stralcio delle cartelle: "Senza quei soldi, i nostri bilanci vanno in rosso"
Patrigno la affida agli zii ma non dà soldi, bimba di 3 anni lasciata senza cibo e picchiata a sangue
Patrigno la affida agli zii ma non dà soldi, bimba di 3 anni lasciata senza cibo e picchiata a sangue
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni