Tragedia a Prešov, nella Slovacchia orientale, dove a causa di un'esplosione – probabilmente di una bombola di gas – un grattacielo è andato a fuoco. Le vittime sono almeno cinque, ma le autorità comunicano che ci sono anche molti feriti e che alcuni di loro versano in gravi condizioni.

Il boato è avvenuto oggi poco dopo mezzogiorno tra il nono e il dodicesimo piano. Sul posto si sono precipitate numerose squadre di soccorritori con ambulanze e camion dei vigili del fuoco. I superstiti ai piani più bassi sono stati subito messi in salvo, ma la situazione per i residenti ai piani più alti è stata descritta come estremamente difficile: l'esplosione infatti ha danneggiato la scala antincendio intrappolando numerose persone a decine di metri di altezza. Come se non bastasse anche la staticità della struttura sarebbe stata compromessa e sarebbe concreto il rischio crollo. Per questo tutta l'area è stata evacuata e i vigili del fuoco sono al lavoro per estrarre quanto prima i sopravvissuti: il loro operato è ulteriormente complicato dalle forti raffiche di vento che rendono complicata l'installazione delle scale.

I morti accertati sono al momento cinque. Stando a quanto riferiscono i vigili del fuoco la deflagrazione sarebbe stata causata da una bombola di gas ed è stata violentissima. Almeno quattro piani dell'edificio sono stati letteralmente squarciati. Dopo l'esplosione le fiamme si sono diffuse su gran parte del grattacielo, compresa la tromba delle scale, impedendo ai residenti di mettersi in fuga. Il boato è stato avvertito a svariate centinaia di metri di distanza. Un uomo ha raccontato: "Ho sentito la terra tremare e per un momento ho temuto che si trattasse di un terremoto".  Il bilancio delle vittime potrebbe essere destinato a salire nelle prossime ore.