Si celebreranno alle 15 alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Taurianova i funerali di Sissy Trovato Mazza, la giovane poliziotta penitenziaria uccisa da quel proiettile che la colpì nell'ascensore dell'ospedale civile di Venezia due anni fa. In occasione della cerimonia, che seguirà a un corteo cui parteciperà tutta la cittadina, Francesco Basentini, capo del dipartimento di Polizia Penitenziaria, ha autorizzato "tutto il personale di ogni ruolo e qualifica che vorrà, volontariamente e libero dal servizio, prendere parte alle cerimonie liturgiche all'utilizzo dell'uniforme".

La partecipazione collettiva

Alle esequie saranno presenti alcuni colleghi dell'agente, gli amici, i familiari, alcuni esponenti delle istituzioni e i concittadini che in questi 26 mesi hanno sostenuto la famiglia organizzando eventi e raccolte fondi per le spese legali, ovvero i membri del comitato civico ‘Sissy la Calabria è con te' (guidato da Loredana Viola e Jo Pinto). Presenti anche numerosi giornalisti di varie testate ed emittenti televisive.

Indagini in ritardo

Sul fronte indagini, invece, si attende la nomina dei periti incaricati di eseguire gli accertamenti irripetibili sulla pistola e il computer della poliziotta. La nomina avrà luogo il prossimo 24 gennaio. Entrambi gli esami erano stati autorizzati dal gip già in data 30 ottobre 2018 con la concessione del nuovo supplemento di indagine eppure solo oggi, a pochi giorni dalla morte di Sissy e a ridosso della scadenza della proroga di indagine sono stati finalmente disposti dal pm Elisabetta Spigarelli. "Aspettavano la morte di nostra figlia per indagare?" si chiede ancora, addolorata, mamma Caterina Martino.