Ancora un incidente sul lavoro, questa volta in Calabria, nel piccolo paese del Reggino di Melicucco dove un operaio di 51 anni, Antonio Bellissimo, è morto dopo essere stato travolto dall'onda di urto provocata dall'esplosione di un grosso pneumatico. Nonostante l'immediato intervento dei soccorritori del 118 per lui non c'è stato nulla da fare ed è morto poco dopo l'arrivo in ospedale.

Il 51enne stava sostituendo gli pneumatici del camion

L'allarme è scattato nella mattinata di ieri quando è stato chiesto l'intervento del 118 in una cava di Melicucco in provincia di Reggio Calabria per un incidente sul lavoro. Sul posto sono giunti i mezzi del 118 per prestare soccorso all'uomo ferito, un operaio di 51 anni le cui condizioni erano apparse subito critiche: il personale sanitario infatti non ha potuto fare altro che constatarne il decesso. Stando a quanto si apprende sembra che i primi a soccorrerlo siano stati i colleghi che erano presenti al momento dello scoppio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Melicucco e il pm di turno della Procura di Palmi che ha disposto l'autopsia. Ora saranno le indagini dei militari a chiarire cosa sia accaduto all'uomo: secondo una prima ricostruzione sembra che il 51enne operaio sia stato investito al volto dallo scoppio di uno pneumatico di camion che stava gonfiando.

L'operaio morto a Castagnole Monferrato cadendo da un ponteggio

Ieri la notizia di un altro decesso avvenuto a Castagnole Monferrato, in Piemonte, dove a perdere la vita è stato un operaio di 50 anni morto dopo essere precipitato da un ponteggio. Nonostante il tempestivo intervento del 118 anche per lui non c'è stato nulla da fare. Sulla vicenda sono intervenuti anche i sindacati che chiedono una maggiore consapevolezza e formazione degli operai sulla sicurezza sul lavoro.