Cattive notizie dalla Sicilia dove durante le ricerche del Peschereccio "Nuova Iside" disperso da ore al largo di Palermo, i soccorritori si sono imbattuti nel cadavere di una persona che galleggiava sul mare. A rinvenire il corpo senza vita è stata una motovedetta della Guardia costiera che in queste ore sta scandagliando lo specchio di mare insieme ad altre unità navali alla ricerca del peschereccio scomparso nel nulla tra San Vito Lo Capo e Ustica. Il rinvenimento del cadavere sarebbe avvenuto proprio al largo della Piccola Isola. L'imbarcazione di soccorso ha raccolto il cadavere trasportandolo fino al porto di Terrasini, proprio da dove era partita  "Nuova Iside" nella sua prima uscita in mare dopo l'emergenza coronavirus.

Secondo le prime notizie, purtroppo si tratterebbe proprio di uno dei membri dell'equipaggio del motopesca sparito nel nulla ieri:  Giuseppe Lo Iacono, 35 anni, uno dei tre componenti dell’equipaggio. Tanta la tristezza a Terrasini dove ad attendere la motovedetta sono accorsi, oltre alle autorità marittime locali, anche familiari e amici dei pescatori. Presente anche il sindaco Giosuè Maniaci che nelle scorse ore aveva raccontato: "Aspettavano la fine del lockdown per potere ricominciare a lavorare e portare il pane a casa, invece alla prima uscita il forte vento di scirocco li ha messi in difficoltà. Sono marinai esperti, tutti appartenenti alla stessa famiglia. Forse però non aspettavano questo cambio del vento così. Sono usciti solo per la voglia di lavorare e sono stati sfortunati".

A bordo del "Nuova Iside" vi erano tre pescatori appartenenti alla stessa famiglia: Matteo Lo Iacono, il figlio Vito, di 26 anni, e il cugino Giuseppe, di qualche anno più grande. Per questo le ricerche in zona proseguono senza sosta con l'impiego di due motovedette della Guardia costiera  e due elicotteri di supporto del Centro SAR (Ricerca e Soccorso) del 15° Stormo dell'Aeronautica Militare a cui si è aggiunta in queste ore anche la nave di ricerca oceanografica Urbano Monti, dotata di tecnologia avanzata anche per la ricerca di profondità.