Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Ha rotto il naso alla figlia, le spegneva le sigarette addosso, alzava le mani su di lei. Per questi motivi è scattato l’allontanamento per un padre di Martinsicuro, che dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia. La vittima è la figlia dell’uomo, minorenne. Lui, invece, ha 45 anni e in più occasioni aveva perpetrato violenza nei confronti della giovane figlia, che aveva subito soprusi sin da quando era bambina. Il padre non si limitava alle violenze, ma pedinava la figlia, la minacciava e la maltrattava, cercando di scoprire sempre qualsiasi cosa facesse la giovane: chi frequentava, dove andava. Tanto da appostarsi fuori dalla scuola della minorenne per controllare i suoi movimenti.

La sigaretta spenta sulla fronte della minorenne

Ogni tentativo di ribellarsi, per la ragazza, finiva con violenze e botte. Anche in strada, davanti ad altre persone. In un’occasione la minorenne era stata scoperta mentre fumava. Il padre, dopo averla beccata, le ha spento la sigaretta sulla fronte. In un’altra occasione l’uomo aveva percosso la ragazza con violenza, fratturandole addirittura il setto nasale, costringendola a rivolgersi al pronto soccorso dell’ospedale di Sant’Omero. Da lì era stata dimessa con una prognosi di 25 giorni. Tutte le violenze e l’oppressione avevano causato nella vittima stati d’ansia e timori per la sua incolumità.

La figlia era scappata di casa, poi le indagini

Proprio per lo stato di terrore in cui viveva, la giovane è scappata di casa, rifugiandosi da amici e parenti. Così se ne sono accorti i carabinieri di Martinsicuro, facendo partire un’indagine sul caso. Dopo aver ascoltato alcune testimonianze, i militari hanno inviato un rapporto alla procura: il giudice del tribunale di Teramo ha quindi emanato un provvedimento di allentamento nei confronti del padre della giovane. L’uomo si dovrà tenere a una distanza minima di 500 metri, con l’obbligo di allontanarsi nel caso in cui dovesse incontrarla. Inoltre non potrà avvicinarsi ai luoghi solitamente frequentati dalla figlia, evitando di comunicare con lei con qualsiasi mezzo.