3.032 CONDIVISIONI
1 Febbraio 2021
17:29

Nel 2020 più morti che nati, mai così da 1918. Crollo matrimoni: -50,3%

I dati dell’Istat sulla base dei numeri di Anpr, l’Anagrafe nazionale della popolazione residente. Il saldo naturale tra morti e nascite ha un valore negativo di 300mila unità: mai così dall’epidemia di spagnola del 1918. Crollo dei matrimoni: -50,3% con punte che sfiorano il 70% se ci si limita a quelli religiosi.
A cura di Biagio Chiariello
3.032 CONDIVISIONI

L'anno del Covid sarà ricordato anche come quello delle 700mila le persone decedute e dei circa 400mila i nuovi nati. Un saldo negativo di 300mila unità, e non è un caso che un dato simile non lo si vedeva dal 1918, l'anno dell’epidemia di spagnola. I numeri sono quelli dell'Istat sulla base dei dati di Anpr, l’Anagrafe nazionale della popolazione residente, che registra anche un crollo dei matrimoni: -50,3% con punte che sfiorano il 70% se ci si limita a quelli religiosi.

Quello dei 700mila morti, come spiegato dal presidente Istat Gian carlo Blangiardo, è “un limite oltre il quale nell’arco degli ultimi cent’anni ci si è spinti nel 1920, e nel corso della Seconda guerra mondiale, e il limite inferiore dei 400mila nati, una soglia mai raggiunta negli oltre 150 anni di Unità Nazionale”.

Il saldo naturale tra morti e nuovi nati ha un valore negativo pari a 300mila unità: un risultato che, nella storia del nostro Paese, si era visto unicamente nel 1918, allorché l’epidemia di ‘spagnola’ contribuì a determinare circa metà degli 1,3 milioni dei decessi registrati in quell’anno”.Sul calo delle nascite pesa l’incognita del covid “come avvenne nell’anno in cui ci fu l’esplosione del reattore nucleare a Chernobyl”.

Calo delle nascite

Tra gennaio ed agosto 2020 – ossia nel periodo in cui sono arrivati gli esiti dei concepimenti avvenuti  senza alcuna influenza di Covid-19 (cioè da aprile a novembre del 2019) – viene segnalato un calo di nati del 2,3%. Pesa l’incognita dei nati di dicembre 2020, che si colloca a nove mesi dall’esplosione della pandemia.

È “verosimile immaginare – rileva l’Istat – che, così come accadde per la caduta delle nascite al tempo della grande paura per la nube tossica di Chernobyl (il significativo calo di nati a febbraio 1987 in relazione ai concepimenti di maggio 1986), anche in questa circostanza ci siano stati frequenti rinvii nelle scelte riproduttive. In ultima analisi, nel 2020 è legittimo aspettarsi un sensibile calo di nascite nel mese di dicembre, con qualche primo debole segnale già a novembre, per via dei concepimenti nella seconda metà di febbraio e/o degli eventuali parti pretermine”.

Crollo matrimoni

Significativo il crollo dei matrimoni nel 2020: ne sono stati celebrati sono 85mila a fronte dei 170mila dell’anno precedente. Dati ancora provvisori, ma che nel confronto si segnala una variazione negativa del numero di nozze è stata nel complesso del 50,3%, rispetto al 2019 e a parità di periodo, il calo raggiunge la punta del 69,6% se ci si limita a quelli religiosi. A livello territoriale la caduta più consistente per numero di celebrazioni dei matrimoni ha riguardato il Mezzogiorno.

3.032 CONDIVISIONI
Perché il tasso di mortalità per le donne incinte negli Usa è aumentato quasi del 30%
Perché il tasso di mortalità per le donne incinte negli Usa è aumentato quasi del 30%
Il discorso del presidente Mattarella per il Giorno della memoria:
Il discorso del presidente Mattarella per il Giorno della memoria: "Mai più uno Stato razzista"
Perché è ora di parlare seriamente di disarmo nucleare
Perché è ora di parlare seriamente di disarmo nucleare
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni