382 CONDIVISIONI
24 Ottobre 2022
10:09

Morte Martina Rossi, i condannati lasciano il carcere: andranno a lavorare in regime di semilibertà

Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi reclusi per tentativo di violenza sessuale nei confronti della ventenne escono dal carcere di Arezzo per lavorare.
A cura di Biagio Chiariello
382 CONDIVISIONI

Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni sono usciti questa mattina dal carcere di Arezzo. I due ragazzi di Arezzo, condannati per la morte di Martina Rossi, la studentessa genovese che morì 20 anni il 3 agosto 2011 precipitando dalla terrazza di una camera d’albergo a Palma di Maiorca, hanno potuto usufruire del regime di semilibertà: durante il giorno potranno andare a lavorare, rientrando la sera nel penitenziario.

I due erano stati condannati in via definitiva a tre anni di reclusione per tentata violenza sessuale di gruppo. Lavoreranno nelle aziende dei genitori per poi rientrare la sera nel carcere di Arezzo.

Proprio il padre di Albertoni è intervenuto sulla vicenda: “Non è giusto – ha detto a Firenze Post – mio figlio è grande, ma sono qui ad aspettarlo perché abbiamo paura di ritorsioni. Noi viviamo di lavoro e impegno nella vita. I ragazzi hanno accettato la condanna, non possono fare altrimenti. Alessandro è un bravo ragazzo, lo accompagnavo a fare sport da quando aveva quattro anni. E’ sempre stato uno sportivo serio, non ha mai fatto niente di sleale a nessuno. Questa vicenda non me la spiego”.

I due condannati per la morte di Martina Rossi
I due condannati per la morte di Martina Rossi

La vicenda giudiziaria di Martina Rossi è durata undici anni, passata attraverso un’archiviazione da parte della polizia spagnola – che aveva chiuso il caso, rubricando la morte della 20enne come suicidio – fino alla riapertura del caso, un processo in primo grado ad Arezzo e due processi d’Appello a Firenze. A chiuderla definitivamente era stata la quarta sezione penale della Cassazione che ha dichiarato un anno fa inammissibili i ricorsi della difesa dei due giovani aretini.

Ma se dal punto di vista processuale è stata scritta la parola ‘fine', da quello personale probabilmente una chiusura non ci sarà mai. “Loro in semilibertà, noi condannati all’ergastolo, Martina non ce la ridà nessuno”, è stato il commento, amaro, dei genitori della studentessa genovese

382 CONDIVISIONI
Iran, manifestante 18enne condannato a morte. Funzionario giustizia: “Indagare su stupri in carcere”
Iran, manifestante 18enne condannato a morte. Funzionario giustizia: “Indagare su stupri in carcere”
Perché da Capodanno 2023 700 detenuti dovranno tornare in carcere
Perché da Capodanno 2023 700 detenuti dovranno tornare in carcere
Protesta in Iran contro l'imminente esecuzione di due manifestanti 20enni:
Protesta in Iran contro l'imminente esecuzione di due manifestanti 20enni: "Rovesceremo Khamenei"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni