Ancora un incidente mortale sull'autostrada A14 Bologna-Taranto. Un tir ha invaso un cantiere allestito nel tratto nei pressi di Borgo Panigale, provocando la morte di 2 operai che stavano lavorando per conto di Autostrade per l'Italia. L'impatto si è verificato poco prima delle 23 di ieri, lunedì 5 agosto, al km 9, nei pressi dello svincolo per il raccordo interno. Le due vittime, di 38 e 45 anni, stavano terminando l'allestimento del cantiere, necessario al rifacimento delle segnaletica orizzontale, e c'era un restringimento della carreggiata indicato con cartelli e segnali luminosi.

L'autista del mezzo pesante, un 62enne albanese residente in Italia, è entrato nell'area del cantiere investendo i due e rischiando di travolgere un terzo addetto riuscito a spostarsi in tempo: è stato anche sottoposto ai test per verificare se fosse sotto effetto di alcol o droghe, dopo essere stato fermato dalle forze dell'ordine giunte sul posto, e al momento risulta indagato per omicidio colposo. Le vittime sono Antonio Pizzutelli, 38 anni, e Salvatore Vani, 46 anni, entrambi originari della provincia di Frosinone. Erano dipendenti di una ditta che lavora in appalto per Autostrade e sarebbero morti sul colpo: quando l'ambulanza del 118 è arrivata i sanitari non hanno potuto far altro che dichiarane il decesso. Piccoli disagi anche per il traffico: lievi rallentamenti temporanei si sono registrati verso l'allacciamento con l'A1 per la riduzione a una corsia nel tempo necessario per le immediate operazioni di intervento e soccorso. Sempre sull'A14 all'altezza di Borgo Panigale si è verificato un incidente mortale meno di una settimana fa, quando, in seguito allo scontro tra due tir, uno dei mezzi è esploso e una persona è morta.