25 Settembre 2013
16:58

Il marito la insegue con un’ascia, lei precipita da un tetto. È grave

Una donna di 28 anni è stata ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Careggi dopo essere caduta dal tetto di un capannone in provincia di Pistoia. Si era rifugiata lì nel tentativo di sfuggire all’ex marito.
A cura di Susanna Picone

L’ennesimo episodio di violenza sulle donne arriva da Porta Stella, una frazione del comune di Serravalle Pistoiese (Pistoia). Una 28enne di nazionalità albanese è stata ricoverata in gravi condizioni all’ospedale fiorentino di Careggi dopo essere precipitata dal tetto di un capannone. Lì, da quanto ricostruito, la donna si era rifugiata nel tentativo di scappare via dall’ex marito che la inseguiva con un’ascia. L’uomo l’aveva già ferita a una spalla ma lei, nonostante la ferita, aveva percorso diversi metri sul cornicione. Sarebbe stato poi lui a lasciarla cadere nel vuoto da un’altezza di quattro metri.

L’uomo è stato arrestato – A quanto accaduto sul tetto avrebbe assistito un vicino di casa che stava facendo dei lavori all’esterno della sua abitazione. Secondo quanto si è appreso la vittima, che era separata dal coniuge, vive con tre figli piccoli in alcuni locali ricavati nel capannone che un tempo era una fabbrica. Questa mattina l’ex marito sarebbe arrivato da lei e i due avrebbero iniziato a litigare. L’uomo, albanese come l’ex moglie, è stato arrestato.

Barletta, studentessa di 16 anni precipita dalla finestra al secondo piano della scuola: è grave
Barletta, studentessa di 16 anni precipita dalla finestra al secondo piano della scuola: è grave
Incidente stradale nel Salernitano, madre muore nell'impatto, grave la figlia di 2 anni
Incidente stradale nel Salernitano, madre muore nell'impatto, grave la figlia di 2 anni
Scandicci, marito e moglie precipitano dal terzo piano e muoiono: trovato un biglietto in casa
Scandicci, marito e moglie precipitano dal terzo piano e muoiono: trovato un biglietto in casa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni