Attimi di terrore nelle prime ore del pomeriggio di venerdì a Follonica, nel Grossetano. Una violenta lite è improvvisamente degenerata ed è finita in tragedia con spari in strada che hanno causato la morte di una persona e il ferimento di altre due. L'episodio intorno alle 15 davanti a un albergo della cittadina toscana, nella centralissima via Matteotti dove  si affacciano alcune note attività commerciali cittadine. Dalle prime informazioni sembra che a scatenare la furia dell'omicida sia stata una lite ben presto degenerata in un'aggressione a mano armata poi conclusa con gli spari tra i passanti.

Diverse persone hanno assistito alla scena o sentito gli spari e hanno chiamato immediatamente le forze dell'ordine che sono accorse prontamente sul posto. Sul posto anche le ambulanze e i sanitari del 118 che hanno prestato le prime cure ai feriti raggiunti dai proiettili, poi trasportati in gravi condizioni all'ospedale di Siena con l'elisoccorso Pegaso. Niente da fare invece per la vittima che è morta sul colpo sotto gli spari, per lui i medici hanno solo potuto constatare il decesso. L'intera zona è stata chiusa al transito per permettere l'intervento dei mezzi di soccorso. Sul caso stanno indagando i carabinieri che hanno già informato l'autorità giudiziaria. Dopo i fatti l'aggressore si sarebbe dato alla fuga ma è stato individuato e fermato alle porte di Grosseto dopo una breve caccia all'uomo.

Secondo quanto riporta il Tirreno, la sparatoria sarebbe il frutto di una lite di vicinato tra esercenti della zona tra i quali da tempo vi era una situazione di tensione. Dopo l'ennesima lite scoppiata oggi, uno di loro  avrebbe improvvisamente estratto la pistola e iniziato a sparare sui due fratelli rivali, uccidendo uno e ferendo l'altro. Sulle linea di tiro si sarebbe trovata anche una passante, una donna assolutamente estranea al litigio, colpita da un proiettile vagante.