Non ce l’ha fatta Francesco Traiano, il titolare del bar "Gocce di Caffè" ferito gravemente il 17 settembre scorso durante una rapina all'interno del locale di via Guido Dorso, a Foggia. L’uomo, di trentotto anni, era ricoverato al Policlinico Riuniti di Foggia, dove oggi è morto. Nel primo pomeriggio del 17 settembre scorso tre malviventi avevano fatto irruzione nel suo bar e si erano diretti alle casse per impossessarsi di poco meno di 100 euro. Il titolare del bar aveva però reagito alla rapina ed era stato ferito. Traiano era stato colpito da una violenta coltellata all'altezza dell'occhio sinistro durante la colluttazione con i rapinatori. Le sue condizioni erano apparse subito gravi. Dal giorno della rapina il trentottenne era ricoverato nel reparto di rianimazione, in coma farmacologico, ma il suo quadro clinico è improvvisamente peggiorato nelle ultime ore. Sulla vicenda sono in corso le indagini degli agenti della squadra mobile di Foggia. I rapinatori che hanno aggredito il barista non sono stati ancora rintracciati.

Lutto cittadino a Foggia per la morte di Francesco Traino

La triste notizia della morte del titolare del bar “Gocce di Caffè” è stata commentata, tra gli altri, dal sindaco di Foggia, Franco Landella, che ha annunciato per domani una giornata di lutto cittadino: “Francesco non è più tra noi. Ha pagato con la vita la scelta di non essere vittima della prepotenza e della sopraffazione. Siamo sicuri che le forze di polizia sapranno individuare gli assassini e assicurarli alla giustizia. L'intera comunità cittadina si stringe intorno alla famiglia Traiano in questo momento di rabbia e dolore. Domani sarà lutto cittadino. Ciao Francesco, che la terra ti sia lieve”, il messaggio lasciato dal primo cittadino su Facebook.