0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Fanno esplodere un’auto in piazza a Capodanno: 3 minori tra i 15 e i 16 anni in comunità

Sono finiti in comunità 3 ragazzi tra i 15 e i 16 anni per aver dato fuoco a un’auto nella serata di Capodanno a Molfetta (Bari). I tre sarebbero indagati in concorso con altri 5 maggiorenni.
A cura di Gabriella Mazzeo
0 CONDIVISIONI
Immagine

Sono finiti in una comunità per ragazzi i tre adolescenti di Bari di età compresa tra 15 e 16 anni che, insieme ad altri maggiorenni, avrebbero ribaltato un'automobile per poi darle fuoco tramite alcuni petardi piazzati nel vano motore. Il tutto era accaduto nella notte di Capodanno in piazza Vittorio Emanuele a Molfetta (Bari).

Secondo quanto accertato dalle indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura per i minori di Bari, gli indagati avrebbero utilizzato "ordigni esplosivi" creando "disordine pubblico" e attentando alla sicurezza pubblica, instillando il timore nella cittadinanza. I minori sono accusati di danneggiamento aggravato e pubblica intimidazione con l'uso di materiale esplosivo, introdotto dal decreto Caivano.

L'atto vandalico sarebbe stato ripreso anche con alcuni cellulari e postato sui social, anche se i responsabili apparivano sempre a volto parzialmente coperto.

Con loro sarebbero indagati altri 5 maggiorenni arrestati lo scorso 16 gennaio dai carabinieri. Secondo quanto reso noto, i minori coinvolti nell'inchiesta sarebbero stati indagati in concorso con il gruppo di ragazzi che hanno superato la maggiore età. A portare all'identificazione dei tre adolescenti ora in comunità è stata l'analisi dei filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza della zona e quella dei video postati sui social e diventati virali in cui sono state raccontate le azioni degli indagati.

I filmati dell'automobile data alle fiamme in pieno centro a Molfetta sono stati diffusi anche sui principali Tg nazionali nel giorno dopo le celebrazioni per l'ultimo dell'anno. In seguito alle attente indagini delle forze dell'ordine, che prima hanno identificato i 5 maggiorenni coinvolti nell'atto vandalico, sono poi arrivati i fermi per i tre minorenni che ora sono stati affidati a una comunità per ragazzi.

0 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views