Entra di notte nel Duomo di Firenze e si arrampica sulla cupola del Brunelleschi per farsi un selfie

La notte scorsa un 17enne ha deciso di intrufolarsi nel Duomo di Firenze e di salire sulla cima della Cupola del Brunelleschi. Con 226mila followers su Instagram, dove posta foto e video delle sue imprese, il ragazzo è diventato noto anche in passato per aver scalato altri luoghi, come il Duomo di Milano o lo Stadio San Siro.
A cura di Eleonora Panseri
218 CONDIVISIONI
Immagine

La notte scorsa un 17enne ha deciso di intrufolarsi nel Duomo di Firenze e di salire sulla cima della Cupola del Brunelleschi. Il ragazzo è ‘famoso' sui social (il suo profilo Instagram conta al momento 226mila followers) per aver scalato il Duomo di Milano nella notte tra il 20 e il 21 maggio scorsi, raggiungendo la Madonnina e scattandosi un selfie dalla guglia maggiore, e altri luoghi.

Sul suo profilo sono stati pubblicati foto e video fatti per documentare quella che, anche dai suoi followers, viene considerata una ‘grande impresa'. “Il bro ha deciso di diventare una leggenda”, “Sei forte, mi piaci”, “Hai spaccato”: scrivono gli utenti sotto il post (alcuni consigliano anche altri luoghi da scalare, come il Colosseo o la Torre Unicredit). Va tuttavia ricordato che il minore è salito sull'edificio senza alcun permesso o protezione.

Come già detto, circa un mese fa, dopo l"impresa' della Madonnina, il 17enne milanese è stato denunciato dagli specialisti del Gruppo operativo anti-contraffazione per invasione di edifici e danneggiamento. Per lo stesso episodio erano già stati indagati altri due presunti compagni del minore, anche loro diciassettenni.

La denuncia, però, sembra non aver avuto alcun effetto sul giovane che, lo scorso 24 giugno, è salito sul tetto dello Stadio San Siro durante il concerto del cantante Sfera Ebbasta. E nei mesi ancora precedenti aveva preso di mira anche altri edifici storici, come il Castello Sforzesco, sempre a Milano, e il Teatro Ariston durante il Festival di Sanremo.

Fabiola Minoletti, vicepresidente del Coordinamento comitati milanesi, citata da Il Giorno, ha commentato l'accaduto: "Come mai non si riescono a contenere queste persone, con atteggiamenti così arroganti? Questo ragazzo non solo rischia ogni volta la vita ma può generare pericolose emulazioni”.

218 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views