Covid 19
17 Marzo 2020
13:24

Coronavirus, i consigli di Alessia, wedding planner: “Sposi state tranquilli, si può rimandare”

Il settore degli eventi è sicuramente uno di quelli più colpiti dall’emergenza coronavirus che ha investito l’Italia. Abbiamo raggiunto telefonicamente Alessia Marrone, una giovane event & wedding planner che in questi giorni sta lavorando da remoto, cercando di fare il possibile. Alessia in questi mesi sta cercando di non bloccare del tutto la sua piccola azienda di eventi, continuando a realizzare bozzetti, partecipazioni, tutto online.
A cura di Simona Berterame
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Feste, battesimi, compleanni e matrimoni. Tutto rimandato a data da destinarsi. Il settore degli eventi è sicuramente uno di quelli più colpiti dall'emergenza coronavirus che ha investito l'Italia. Abbiamo raggiunto telefonicamente Alessia Marrone, una giovane event & wedding planner che in questi giorni sta lavorando da remoto, cercando di fare il possibile. Alessia in questi mesi sta cercando di non bloccare del tutto la sua piccola azienda di eventi, continuando a realizzare bozzetti, partecipazioni, prove grafiche e calligrafiche, tutto ovviamente online. Per quanto riguarda tutti gli appuntamenti con i fornitori e gli sposi sono rimandati a data da destinarsi.

I consigli della wedding planner

Alessia ha dovuto annullare diversi eventi tra marzo e aprile, come feste di compleanno, battesimi o inaugurazione di negozi. Per il momento ancora nessun matrimonio che sta organizzando è stato annullato, perché sono tutti previsti da giugno in poi. Le coppie che sta seguendo ovviamente ora sono molto giù di morale e sembrano non voler neanche sentir parlare di matrimonio. Comprensibile ovviamente, in una situazione così complessa come quella che stiamo vivendo. Il consiglio che si sente di dare Alessia alle tante coppie che in questo momento si trovano in un vero limbo è di cercare di non farsi prendere dallo sconforto perché tutto si può rimandare in un momento migliore e più sicuro.

Il decreto del governo

Il decreto dell'8 marzo 2020 ha detto stop a cerimonie civili e religiose, a matrimoni e funerali. Si può andare in chiesa solo se può essere la distanza di un metro tra le persone, evitando qualsiasi tipo di assembramento. Sospesi tutti i tipi di celebrazioni pubbliche, mentre le messe si possono seguire online o in tv, le comunioni e i battesimi sono rinviati a data da destinarsi, sono chiusi gli oratori e i corsi di preparazione al matrimonio. La decisione di vietare cerimonie civili e religiose è stata presa anche dopo quello che è successo a San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, dove è morto un 75enne risultato positivo al coronavirus. I suoi funerali  si sono svolti alla presenza di centinaia di conoscenti, alcuni dei quali sono stati già sottoposti a quarantena.

31056 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni