video suggerito
video suggerito
L'omicidio di Elisa Claps

Chi è Danilo Restivo e dove si trova il colpevole dell’omicidio di Elisa Claps

Chi è e dove si trova adesso Danilo Restivo, condannato a 30 anni di carcere per aver ucciso Elisa Claps, la studentessa 16enne di Potenza scomparsa nel 1993 e i cui resti mummificati furono ritrovati il 17 marzo 2010 nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità del capoluogo lucano.
A cura di Ida Artiaco
134 CONDIVISIONI
Dice di essere innocente l’uomo che ora si trova in una cella di isolamento in Italia e che è stato condannato in primo grado per l’omicidio della studentessa Elisa Claps. “Voglio raccontare la mia verità, voglio che si rinnovi il dibattimento”.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Danilo Restivo è stato condannato a 30 anni di carcere per l'omicidio di Elisa Claps, la studentessa 16enne di Potenza scomparsa nel 1993 e i cui resti mummificati furono ritrovati il 17 marzo 2010 nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità del capoluogo lucano grazie alla segnalazione di alcuni operai che stavano riparando una perdita d'acqua. Una storia, fatta di colpi di scena e depistaggi, che ha rappresentato uno dei primi casi di cronaca nera italiana, di cui quest'anno ricorre il trentennale.

Al momento, Restivo, condannato in via definitiva per l'omicidio Claps nell'ottobre del 2014, sta scontando la pena detentiva in Inghilterra, dove è stato condannato anche per un altro delitto, quello di Heather Barnett, una sarta inglese di 48 anni uccisa il 12 novembre 2002 a Charminster, un villaggio del Dorset nei pressi di Bournemouth.

La famiglia di Danilo Restivo: chi sono la mamma e il padre

Cominciamo col dire che Danilo Restivo fa parte di una famiglia benestante di Potenza. Originari di Erice, nel Trapanese, i Restivo, si trasferiscono in Basilicata quando il papà Maurizio, a metà degli anni Ottanta, ottiene l’incarico di direttore della Biblioteca nazionale di Potenza. La moglie Maria Rosa era invece una insegnante. Oltre Danilo, i due hanno avuto anche una figlia femmina, Anna.

Sono sempre stati molto protettivi nei confronti del figlio. Danilo è finito più volte al centro di casi di cronaca, ad esempio quando si scopre che è lui a tagliare ciocche di capelli alle ragazze sedute sugli autobus, fino poi al caso Claps. Con l’aiuto dei genitori, che lo volevano proteggere dall'attenzione mediatica aveva ottenuto alcuni impieghi in giro per l’Italia e alla fine era arrivato in Inghilterra, precisamente a Bournemouth, nel Dorset. Danilo, ai loro occhi, "sembrava un bambinone incapace di fare del male. Magari uno inconsapevole delle sue azioni, ma non uno in grado di fare poi tutto il male che ha fatto", ha spiegato Pablo Trincia, autore del podcast Dove nessuno guarda dedicato proprio all'omicidio della giovane potentina.

Perché Danilo Restivo ha ucciso Elisa Claps nel 1993

Immagine

Elisa Claps scomparve la mattina del 12 settembre 1993: si stava recando in chiesa per prendere parte ad una funzione religiosa insieme all'amica Eliana quando se ne persero le tracce. Le due si separarono perché Elisa avrebbe dovuto incontrare un ragazzo più grande nella Chiesa della Trinità. Indagini successive hanno fatto emergere che quel ragazzo era proprio Danilo Restivo.

All'epoca Restivo aveva 21 anni: era originario di Erice, in Sicilia, ma si era trasferito da ragazzino a Potenza con la famiglia, dove il padre Maurizio aveva assunto l'incarico di direttore della Biblioteca nazionale potentina. Sentito dagli inquirenti subito dopo la scomparsa della ragazza, emersero già i primi dubbi sulla sua posizione, in particolare relativa alla ricostruzione degli spostamenti di quel giorno.

Il giovane, poco dopo la scomparsa di Elisa, si era recato in pronto soccorso ricoperto di sangue, raccontando di essere caduto in un cantiere. All'epoca gli inquirenti non avevano prove per incriminarlo – non vennero sequestrati neppure i suoi indumenti – e fu così lasciato a piede libero.

Le prove contro di lui e gli atteggiamenti "problematici"

Solo più avanti si scoprirà che Restivo in passato aveva tormentato diverse ragazze. Era solito far partire telefonate mute, con la colonna sonora di Profondo Rosso in sottofondo o il brano Per Elisa di Beethoven. Oltre a quella, diventata famosa, di tagliare ciocche di capelli di giovani ragazze.

Come ha scritto la criminologa Anna Vagli su Fanpage.it "Danilo Restivo presenta sicuramente una personalità sociopatica e aggressiva. Un soggetto disturbato, con tratti e turbe sadiche. Il feticismo è una parafilia, ossia attiene alle alterazioni della sfera sessuale. Per Restivo il feticcio era rappresentato dalle ciocche di capelli di Elisa. Che, nella sua versione patologica, avevano un significato preciso: placavano il suo bisogno di rivivere l'eccitazione dell'azione omicidiaria. Come ogni serial killer che si rispetti, Danilo ha concentrato il suo interesse sessuale solo su di una parte della vittima. Dimenticandosi di tutto il resto del corpo".

Restivo, dopo il ritrovamento del cadavere di Elisa, è stato incastrato da una macchia di sangue mista rinvenuta sulla maglietta della 16enne: si è scoperto che il Dna della vittima era mischiato a quello del suo aggressore.

L'episodio dei due cuginetti raccontata a Gildo Claps

Intanto, hanno cominciato ad emergere sempre più dettagli sul passato di Danilo, tra cui un episodio del 1986, che una donna ha raccontato a Pablo Trincia e che uno dei protagonisti avrebbe anche riferito a Gildo Claps.

Più volte Danilo aveva provato a convincere la ragazza, che all'epoca dei fatti aveva 12 anni, a seguirlo in un posto segreto e lei alla fine, spinta dalla curiosità, aveva accettato l’invito a condizione di poter portare con sé anche il cuginetto di 11 anni. I due erano stati bendati e legati e portati in un vecchio deposito per attrezzi: qui Danilo aveva aggredito il cuginetto, tenendogli una mano sulla bocca e puntandogli un coltello alla gola. La ragazza, urlando e dimenandosi, aveva spaventato Danilo che poi li aveva slegati pregandoli di non dire a nessuno quanto accaduto.

I due ragazzini avevano però raccontato tutto ai genitori che avevano fatto scattare la denuncia. A questo punto il padre di Danilo, Maurizio, chiese personalmente alla famiglia dei due di ritirare la denuncia in cambio di un milione di lire. Danilo, aveva detto loro il padre, era solo un ragazzino di 13 anni e una denuncia gli avrebbe rovinato la vita.

Come si è arrivati all'arresto, i processi in Inghilterra e in Italia

Elisa Claps e Danilo Restivo
Elisa Claps e Danilo Restivo

Prima del ritrovamento del corpo di Elisa Claps, non essendoci prove sufficienti contro di lui, Restivo si trasferì nel Regno Unito, precisamente a Bournemouth, dopo aver cominciato una relazione a distanza con una donna di 15 anni più grande di lui, Fiamma Marsango.

Il 12 novembre 2002 la sua vicina di casa, Heather Barnett, madre di due figli che lavorava come sarta, venne trovata morta in bagno. Fu uccisa a colpi di forbice e in mano aveva una ciocca di capelli. Nel corso delle indagini, la polizia inglese, anche grazie ad un'azione coordinata con la polizia italiana, raccolse una serie di prove contro Restivo, che era stato più volte a casa della vittima per commissionarle delle tende. Fu così che si scoprì che era solito pedinare alcune donne.

L'uomo venne fermato nel maggio del 2010 e condannato all'ergastolo per il delitto Barnett nel 2011, dopo il ritrovamento dei resti di Elisa Claps nel sottotetto della chiesa potentina. Proprio in Italia l'8 novembre di quello stesso anno cominciò a Salerno il processo in cui Restivo era accusato di omicidio volontario aggravato nell'ambito del caso Claps. Nel 2014 arrivò la sentenza definitiva di condanna a 30 anni di carcere.

134 CONDIVISIONI
53 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views