Mattinata di passione sull'A26 in Liguria: è arrivata a 14 chilometri la coda tra Masone e il bivio A26/A10 a causa dei cantieri e restringimenti di carreggiata. In A10 coda di tre chilometri tra Varazze e Arenzano. Visto il perdurare del traffico e le alte temperature la polizia stradale ha preallertato la Protezione civile per intervenire con la distribuzione di acqua agli automobilisti incolonnati sotto al sole cocente di queste ore. A quanto pare, tra le cause di questa situazione, anche lo slittamento della riapertura del casello di Genova Est, sbloccato poi alle 7.45, per completare le ispezioni dentro la galleria San Pantaleo.

Già ieri, c’è stato lunedì un botta e risposta tra la ministra dei Trasporti Paola De Micheli e il governatore Giovanni Toti. Alla prima, che aveva fatto notare che la Liguria ha "più della metà delle gallerie presenti in tutto il sistema della viabilità italiana" e "nel tempo si sono accumulati pesanti e profondi ritardi nei controlli e nelle manutenzioni", Toti ha risposto: "Non possiamo restare ostaggio di una guerra che dura dal giorno dopo il crollo del Morandi. Il giudizio politico per un esponente di governo vuol dire un’azione conseguente. Se non si ritiene che Società Autostrade abbia più i criteri di affidabilità per gestire la rete autostradale e c’è una mancanza di fiducia da parte del governo, è legittimo, ma si ritiri la concessione e si affidi a qualcun altro".