1.443 CONDIVISIONI
14 Aprile 2020
16:39

Alessia Ferrante morta durante una liposuzione: lo studio medico operava ignorando lo stop

È finito nel mirino della Procura il centro di chirurgia di Monopoli (Bari), dove l’influencer Alessia Ferrante è morta lo scorso 10 aprile, mentre si preparava a subire una liposuzione. I computer del poliambulatorio sono stati sequestrati per stabilire se e quanti interventi senza carattere di urgenza fossero stati messi in agenda dal centro in deroga al Decreto che imponeva lo stop di interventi di questo tipo. Quanto alla morte dell’influencer, al momento si indaga per omicidio colposo.
A cura di Redazione
1.443 CONDIVISIONI

È finito sotto la lente della Procura di Bari, il poliambulatorio di Monopoli dove l'influencer Alessia Ferrante è morta lo scorso 10 aprile mentre si preparava a subire una liposuzione. Il sospetto è che possa aver effettuato interventi non caratterizzati da urgenza nonostante i divieti imposti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri per l'emergenza coronavirus. Per giovedì, intanto, è prevista l'autopsia sul corpo della 37enne di Bisceglie deceduta mentre si apprestava a subire un intervento di liposuzione, dopo la somministrazione dell'anestetico. La causa della morte individuata in un primo momento è ‘arresto cardiocircolatorio' tuttavia l'esame medico legale potrebbe fornire informazioni importanti sullo stato di salute della paziente e su eventuali anomalie che possano aver concorso alla morte dopo la somministrazione del farmaco per anestesia locale.

Dietro la tragedia della morte dell'influencer –  volto noto proprio nel campo dell’estetica con 106 mila follower su Instagram – c'è tuttavia l'altra questione sulla quale la Procura ha concentrato la sua attenzione, ovvero l'attività del centro di chirurgia plastica di Monopoli dove sabato 10 aprile sono avvenuti i fatti. A questo scopo sono stati sequestrati i computer del centro, che verranno setacciati per ricostruire se e quanti interventi non urgenti fossero stati messi in agenda nonostante le restrizione imposte nelle ultime settimane. Non si esclude, invece, l'eventuale apertura di un procedimento disciplinare interno nei confronti del medico, il chirurgo plastico Francesco Reho, indagato per omicidio colposo.

Alessia Ferrante era la figlia del calciatore professionista Lorenzo Ferrante. La sua morte ha destato sconcerto e dolore nel piccolo comune di Bisceglie, dove la 37enne viveva. Alessia non aveva mai fatto mistero di essere ricorsa più volta alla chirurgia e alla stessa liposuzione, senza, tuttavia, subire particolari contraccolpi sulla propria salute.

1.443 CONDIVISIONI
Giappone, orrore a Tokyo: sequestra tre medici, durante visita a domicilio, e ne ammazza uno
Giappone, orrore a Tokyo: sequestra tre medici, durante visita a domicilio, e ne ammazza uno
Scuola, medici chiedono rinvio del ritorno in aula: "Stop di 15 giorni, poi si recupera a giugno"
Scuola, medici chiedono rinvio del ritorno in aula: "Stop di 15 giorni, poi si recupera a giugno"
Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi: 197.552 nuovi casi e 184 morti: i dati di sabato 8 gennaio
Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi: 197.552 nuovi casi e 184 morti: i dati di sabato 8 gennaio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni