Dopo aver lottato per una settimana tra la vita e la morte, ieri si è spento Never Milesi, il 26enne di Imperia, rimasto coinvolto nel grave incidente stradale del 20 maggio lungo la strada provinciale 26, tra Paesana e Sanfront, nel Saluzzese, quando erano da poco passate le 6.30 del mattino. Il ragazzo è morto  all’ospedale Cto di Torino.

L'incidente mortale

Never era alla guida di una Fiat Panda, insieme al padre, quando – all’altezza dell’incrocio con la strada che conduce alla borgata Pamparini – è avvenuto lo schianto con un’Audi, che proveniva da Paesana. L’auto con a bordo padre e figlio, dopo l’urto, è stata carambolata a valle, terminando la sua corsa capottata su un fianco, in bilico sul fosso a bordo strada. All’arrivo dei soccorsi, sia il 26enne che il padre sono apparsi sin da subito in condizioni disperate. Stabilizzato ed intubato sul posto, il 26enne era stato poi trasportato in elisoccorso al Centro traumatologico ortopedico di Torino, in condizioni gravissime, dov'è purtroppo è deceduto: troppo gravi i traumi riportati a cranio e torace. Il padre, trasferito in prima battuta – in ambulanza – al Santissima Annunziata di Savigliano, era poi stato portato anch’egli al CTO di Torino, con gravi traumi su tutto il corpo.

Never Milesi era un dj

Never Milesi, nato a Chieri, abitava da tempo in Liguria ed era Dj del gruppo musicale imperiese “Vento di Ponente”, oltre che collaboratore di Sbrennetti click. Sul web sono numerosi i messaggi di cordoglio di amici sotto choc per la tragica scomparsa del 26enne.  Così lo ricorda sul profilo Facebook Elia Aarek di Vento di Ponente: “Mi ricordo le prime serate, i primi campionamenti in studio per il disco, gli scratch da registrare, le serate da organizzare e tutti i palchi che abbiamo calcato assieme. Con te muore un elemento fondamentale del Vento di Ponente, un pezzo di noi, ma soprattutto se ne va un amico, un fratello, un componente della nostra famiglia. Porteremo avanti ciò che ci hai lasciato ricordandoti con amore. Il mio pensiero va alla tua famiglia a Serena e a tutti gli amici”