Ore 22.50 – Sono almeno 5 i cittadini britannici morti in seguito all'attentato di oggi  a un resort di Sousse, in Tunisia. Lo ha confermato il ministro degli Esteri di Londra, Philip Hammond, citato dalla Bbc. Hammond ha avvertito che il bilancio delle vittime potrebbe salire e ha detto che una "elevata percentuale" di coinvolgimento di cittadini britannici era attesa, "considerata la natura del resort".

Ore 19.30 – E' di 37 morti e 36 feriti il bilancio ancora provvisorio dell'attentato terroristico a due hotel di Sousse, in Tunisia. Lo rende noto il ministro della Sanità tunisino, Saïd Aïdi, aggiungendo che due o tre turisti sono in condizioni critiche.

Ore 17.45 – Unanime il racconto di alcuni dei sopravvissuti alla strage di Susa nel golfo di Hammamet. Diversi uomini armati sarebbero sbarcati a bordo di gommoni sulla spiaggia frequentata dai turisti dei resort circostanti per poi iniziare a fare fuoco con armi automatiche su chiunque incontrassero. Gli assalitori si sono poi diretti verso gli alberghi poco lontani continuando a fare fuoco fino a quando non sono intervenute le forze di sicurezza. Uno di loro è stato ucciso in strada mentre altri due sospetti sono stati catturati dopo alcune ore. Terrore tra i tanti turisti della famosa località di mare del Paese nordafricano. Molti sono si sono chiusi nelle stanze dove son rimasti per molto tempo.

Ore 17.20 – Fermato un altro sospettato. Un altro sospettato è stato fermato dalla polizia tunisina dopo l'attacco al resort di Susa nel golfo di Hammamet. Dalle immagini diffuse si vede l'uomo mentre viene portatao via dalle forze dell'ordine mentre una folla inferocita cerca di linciarlo. Intanto il Ministro dell'interno locale fa sapere che uno degli arrestati è uno studente universitario originario di Kairouan. "Alcune decisioni dolorose dovranno essere prese nei prossimi giorni " ha commentato il presidente tunisino che si è recato sul luogo dell'attacco, negli alberghi di Susa.

Ore 16.50 – "Il nostro impegno contro il terrorismo sarà più forte" scrive intanto su twitter il Ministro della difesa Pinotti, aggiungendo: "Solidarietà e vicinanza alla Francia per l'attentato a Lione e alla Tunisia per l'attacco a Sousse"

Ore 16.40 – Il bilancio delle vittime secondo la stampa locale purtroppo è destinato a salire. Secondo fonti locali non confermate ufficialmente infatti i morti sarebbero almeno una trentina oltre a una ventina di feriti. Secondo la tv arava al-Jazeera, che cita fonti del ministero tunisino del Turismo, tra le vittime ci sarebbero turisti di nazionalità britannica, tedesca e belga.

Ore 16.30 -Alfano: "Alzato il livello d'allerta in Italia". Dopo quanto accaduto in Tunisia , Francia a Kuwait, il Ministero dell'interno italiano ha deciso di alzare il livello di allerta anche ne nostro Paese. A riferirlo è stato lo stesso Ministro degli Interni Angelino Alfano che ha commentato : "L'insegnamento è che non c'è nessun Paese a rischio zero e per questo abbiamo elevato il livello di allerta per risensibilizzare le unità a presidio dei luoghi sensibili".

Ore 16.15 – Ancora nessuna notizia sulla nazionalità delle vittime, anche se è certo che molti sono turisti stranieri. Le radio locali affermano che le vittime sarebbero soprattutto tedesche e britanniche, mentre la Farnesina fa sapere di essere al lavoro per accertare se ci siano italiani. Intanto la Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo ha annunciato che non consiglierà più i viaggi in Tunisia. "Pensavamo che, dopo l’attentato al museo del Bardo la situazione fosse tornata sotto controllo, anche grazie alle rassicurazioni del Governo. Tanto è vero che la Msc aveva annunciato che in autunno sarebbero riprese le soste in Tunisia. Adesso, però, la situazione ricomincia ad essere preoccupante" ha spiegato il presidente dell'associazione.

Ore 16.00 – Catturato un attentatore. Sarebbe stato catturato uno degli attentatori del resort tunisino. Secondo i media locali L'arresto è arrivato dopo una caccia durata alcune ore nei dintorni degli alberghi presi di mira dai terroristi. In precedenza un altro terrorista era stato ucciso dalla polizia. Al momento nessun gruppo ha rivendicato l'attacco. "Si tratta di una vera catastrofe" ha commentato del ministro tunisino del Turismo, Salma Elloumi invitando i tunisini a "rimanere uniti".

Ore 15.05 – Secondo una prima ricostruzione dei fatti ancora approssimativa, sembra che gli attentatori, tre o quattro armati di kalashnikov, siano sbarcati sulla spiaggia davanti agli alberghi presi di mira e da lì abbiano iniziato a sparare all'impazzata sui turisti inermi facendo una strage. Poi la sparatoria sarebbe proseguita nelle hall degli alberghi fino all'intervento delle forze di sicurezza tunisine che avrebbero ingaggiato un conflitto a fuoco uccidendo uno degli assalitori.

Tunisia, Lione, Kuwait: stato d'allerta per il terrorismo

Ore 14.40 – Renzi esprime dolore e vicinanza. "Esprimo un sentimento di grande dolore per quello che sta avvenendo in Tunisia. Esprimo le condoglianze al popolo e alle istituzioni" ha dichiarato il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi appena appreso la notizia dell'attentato al resort tunisino. "Quello che è successo non può che farci provare un sentimento di dolore e vicinanza" ha proseguito Renzi ricordando che Tunisi è stata la meta del suo primo "viaggio extraeuropeo. Il premier ha anche assicurato che "L'Unità di crisi della Farnesina è al lavoro per verificare l'eventuale presenza di nostri connazionali" tra le persone coinvolte nell'attentato. Intanto i servizi di intelligence italiani hanno annunciato di essere in «massima allerta» dopo gli attentati terroristici in Francia, Tunisia e Kuwait, pur assicurando che non c'è "nessun segnale di allarme specifico per il nostro Paese".

Ore 14.35 – Almeno 27 morti: Sarebbero almeno 27 i morti dell'attentato in un hotel di Sousse, in Tunisia e nella relativa spiaggia piena di turisti. Lo hanno indicato fonti del ministero degli Interni tunisino citate dalla France Presse. Tra le vittime sicuramente uno degli attentatori colpito dalla polizia locale ma anche molti turisti stranieri che si trovavano in vacanza nel resort della nota località turistica del Paese nordafricano

AGGIORNAMENTO: Continua a salire il bilancio delle vittime dell'attentato in un resort turistico della città di Sousse, nota località turistica della Tunisia. Secondo il Ministero dell'interno di Tunisi, infatti, sarebbero almeno 19 i morti tra cui almeno un attentatore colpito dalle forze di sicurezza locali intervenute dopo l'assalto mentre diversi sono i feriti. Tra le vittime molte sarebbero proprio turisti residenti della struttura alberghiera. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l'assalto sarebbe stato condotto da almeno due terroristi armati di kalashnikov nel Riu Imperial Marhaba di Port El Kantaoui. Contemporaneamente sono stati sentiti colpi d’arma da fuoco sulla spiaggia davanti al resort dove ci sono state altre vittime e anche un altro albergo è rimasto coinvolto, il Port el Kantaoui.

Attentato a Tunisi, ucciso attentatore armato

Almeno sette morti – ci sarebbero almeno sette morti a seguito dell'attentato in un resort di turisti in Tunisia. Lo ha annunciato il ministero dell'Interno tunisino, citato dall'emittente televisiva araba "al Arabiya". Secondo fonti laicali le forze di sicurezza tunisine avrebbero ingaggiato un violento scontro a fuoco con degli uomini armati che hanno fatto parte del commando che ha attaccato l'albergo turistico della città di Sousse, nota località lungo la costa di Tunisi.

La Tunisia nuovamente nel mirino dei terroristi dopo quanto accaduto al museo del Bardo. Un nuovo attentato terroristico infatti è stato registrato questa mattina nella città costiera di Sousse, terza città del Paese nordafricano e importante centro turistico. Lo riportano le radio locali e fonti della sicurezza tunisine. La notizia viene riportata anche dall'emittente televisiva "al Arabiya" che cita fonti della polizia tunisina senza fornire ulteriori particolari e dall'emittente all news francese France 24 . Obiettivo dei terroristi sembra sia stato un hotel e resort per turisti nel Paese nordafricano. Secondo le radio locali in particolare uomini armati di kalashnikov avrebbero fatto irruzione nell'hotel dove ci sarebbe stata anche una sparatoria tra un commando terrorista e le forze di polizia locali.

Attentato in resort a Sousse nel golfo di Hammamet in Tunisia

Le stesse fonti parlano di una sparatoria anche in spiaggia e di alcune vittime. In rete circola una foto drammatica dove si vedono prioprio alcune persone morte in spiaggia. La spiaggia su cui si affaccia il resort è quella di Kantaoui. Gli spari sono stati avvertiti in tutta l'area generando panico e terrore tra i turisti presenti. Secondo fonti della polizia locale almeno un attentatore sarebbe stato ucciso dopo l'assalto. Secondo una nota del ministero dell'Interno tunisino  sarebbero morte almeno tre persone tra cui l'autore della sparatoria, non ancora identificato.