Giulia Jasmine Schiff che si trasforma da vittima a carnefice. Dopo la denuncia della ventenne veneziana, che ha parlato delle violenze subite dai commilitoni e che è stata anche espulsa dall’Accademia, spunta un altro video in cui si vede la stessa allieva pilota colpire un collega. Il nuovo filmato riguarda sempre il “battesimo del volo” della Scuola di Latina che avviene nell’ambito della scuola di formazione dell’Accademia aeronautica militare di Pozzuoli. Rispetto al precedente, però, i ruoli sono invertiti: a subire le frustate è un allievo mentre Giulia Jasmine Schiff è dalla parte di chi colpisce. Secondo l’avvocato che assiste Giulia, Massimiliano Strampelli, “si tratta della vendetta di chi è stato accusato”. “Un video suggestivo ad opera evidentemente di uno degli indagati per screditare la credibilità di Giulia. Giulia non ha mai partecipato veramente ad alcun rito: ha sempre tenuto un atteggiamento simulatorio per non incorrere nella denigrazione ed emarginazione dei propri colleghi”, ha spiegato – si legge sul Corriere della Sera – l’avvocato della giovane.

La denuncia di Giulia – Prima che venisse fuori questo nuovo video Giulia Jasmine Schiff, un'ex allieva residente a Mira (Venezia), aveva documentato, con filmati girati dagli stessi commilitoni della scuola, il “battesimo del volo” in cui aveva subito atteggiamenti sessisti e violenti alla Scuola di Volo di Latina. Sugli episodi è stata aperta un'indagine da parte della Procura militare di Roma e il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, dopo aver chiesto immediatamente chiarimenti allo Stato Maggiore dell'Aeronautica, ha commentato la vicenda parlando di “un fatto gravissimo”. “C’è una indagine in corso e chi deve pagare, pagherà”, ha detto il ministro. L’Aeronautica militare, da parte sua, in una nota ha invitato a non fare “strumentalizzazioni”.