Due vittime sulle montagne dell'Alto Adige in due incidenti separati. Un ragazzo di 22 anni è morto sotto una valanga che, nel corso della mattinata di oggi 19 gennaio,  si è abbattuta su monte Spicco (zona sciistica di Speikboden), in Valle Aurina. L’incidente è avvenuto durante un fuoripista a 2.400 metri di quota, un canalone di fianco alla seggiovia ed alla pista Sonnklar, che vengono spesso usati dagli amanti del free-ride anche se sono pericolosi e vietati. In tutta la zona, nelle settimane scorse, ha fioccato abbondantemente e vi sono metri di coltre nevosa non assestata. Il costone è infatti protetto da paravalanghe ma spesso gli sciatori discendono a lato protezioni. La vittima è un gioovane, classe ‘97, di Valdaora, in Val Pusteria. Era insieme ai suoi amici quando la slavina si è staccata inghiottendo sei sciatori. Cinque persone sono state subito tratte in salve, la sesta purtroppo è deceduta. Inutili i tentativi di rianimazione del medico d’urgenza sul posto. Sul posto si sono portate le squadre del soccorso alpino.

La seconda vittima

Una seconda persona è morta travolta da una valanga di neve e ghiaccio in Val Gardena, sempre in Alto Adige. La tragedia si è consumata in Vallunga, sembra durante un'arrampicata su ghiaccio. L'uomo è stato trascinato dalle masse nevose per centinaia di metri ed è morto sul colpo. L'incidente si è verificato poco lontano dal centro di addestramento alpini dei Carabinieri. Sul luogo della tragedia sono subito intervenuti gli uomini del Soccorso alpino e un elicottero. Purtroppo non hanno potuto far nulla per salvare la vita allo sciatore.