26 Aprile 2022
10:14

Paire mostra il sedere ai tifosi, poi denuncia le minacce: “Fai perdere soldi a tutti, muori”

Dopo l’ennesima sconfitta stagionale, Benoit Paire scatenato prima in campo e poi sui social. Il tennista francese sommerso di messaggi beceri, con tanto di minacce di morte.
A cura di Marco Beltrami

Il 2022 sarebbe dovuto essere l'anno del riscatto per Benoit Paire dopo una stagione travagliata in cui ha fatto discutere più per il suo atteggiamento poco professionale in campo che per i risultati positivi. Purtroppo però per il tennista 32enne francese numero 60 del mondo le cose dopo un inizio promettente sono andate malissimo. I risultati parlano chiaro per l'avignonese che dopo un buon Australian Open, si è perso inanellando la bellezza di 11 sconfitte in 12 partite, 10 di fila se si considera il circuito maggiore ATP con l'unico successo arrivato in un Challenger. L'ultimo ko, quello nel torneo dell'Estoril poi non è di certo passato inosservato, sia per quanto accaduto in campo che in seguito sui social, per un Paire a dir poco spazientito.

Al primo turno sulla terra rossa portoghese Benoit Paire ha incassato un 6-4, 7-5 dal coreano Kwon Soon-woo, che pochi giorni prima lo aveva battuto in due set anche all'esordio a Barcellona. Ancora una brutta partita del francese che proprio non riesce a salire di rendimento, e uscire da una spirale fortemente negativa. Il suo match è stato contraddistinto anche dalla bolgia creatasi sugli spalti con un gruppo di sostenitori transalpini, in minoranza, che hanno provato a trascinare il loro connazionale. Alla fine però per Paire non c'è stato nulla da fare e gran parte del pubblico lo ha fischiato al momento dell'uscita dal campo.

La reazione di Paire? Il giocatore ha deciso di abbassarsi leggermente la parte posteriore dei pantaloncini, nell'intento provocatorio di mostrare le mutande e il sedere. Un comportamento che potrebbe anche costargli un provvedimento disciplinare da parte dell'ATP. Su Instagram poi Benoit si è mostrato affranto per la sequela di sconfitte, e oltre a postare una foto che lo ritrae quasi disperato ha provato a motivarsi con queste parole: "Cerco ogni giorno soluzioni per cambiare questa spirale, sto facendo uno sforzo e sto progredendo nonostante le sconfitte.. Penserò solo al futuro e resisterò ancora e ancora, come sto facendo da un po'".

A proposito di social però la cosa non è finita qui. Il tennista infatti su Twitter ha voluto pubblicare una serie di screenshot, relativi ai beceri messaggi d'insulti ricevuti, dopo la sconfitta. Tanti scommettitori che, probabilmente avevano puntato sul giocatore di Avignone, si sono scagliati contro di lui. Parole pesantissime, con insulti per lui e per la sua famiglia, sfociati addirittura in minacce di morte. "Ti pugnaleranno, se non vinci sei morto. Ti uccideremo figlio di p*****a", e poi "Sei il re della m***a", "Stai facendo perdere soldi a tutti, svegliati", "Vai a s*****e tua madre", "Muori, muori, muori".

Una violenza verbale che Paire ha commentato con un laconico "Per voi è normale?", incassando poi la solidarietà di altri giocatori come Andujar che ha commentato: "Tutti possiamo mostrare i messaggi ogni volta che perdiamo una partita. Siamo noi giocatori che ogni settimana dobbiamo digerire insulti, è davvero faticoso. Siamo con te Ben". Non è la prima volta infatti che si verifica questa situazione. Nei mesi scorsi anche la sua connazionale Alizé Cornet aveva denunciato una situazione simile e due stagioni fa era capitato anche a Monfils preso di mira con insulti razzisti da utenti che aveva scommesso su di lui.

I tifosi dell'Atletico non si placano: minacce alla giornalista che aveva denunciato i cori razzisti
I tifosi dell'Atletico non si placano: minacce alla giornalista che aveva denunciato i cori razzisti
Conor McGregor ingestibile anche da attore, sfogo violento poi la minaccia:
Conor McGregor ingestibile anche da attore, sfogo violento poi la minaccia: "Verrò a casa tua"
Domina la gara poi lo shock, si ferma prima del traguardo con un piano preciso:
Domina la gara poi lo shock, si ferma prima del traguardo con un piano preciso: "Non è per soldi"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni