1.145 CONDIVISIONI
24 Luglio 2022
20:05

Musetti emoziona tutti, trionfa e ha una dedica speciale: “È per mia nonna”. Le deve tutto

Lorenzo Musetti ad Amburgo ha vinto il primo titolo ATP della sua carriera. Musetti dopo il successo su Carlos Alcaraz ha dedicato il trionfo a nonna Maria, alla quale è legatissima.
A cura di Alessio Morra
1.145 CONDIVISIONI

Il primo titolo ATP non si scorda mai. Lorenzo Musetti mai dimenticherà il trionfo di Amburgo, e per rendere ancora più bello il successo il tennista di Carrara ha battuto Carlos Alcaraz uno dei giocatori più forti al mondo e ha vinto 6-4 al terzo dopo aver mancato cinque matchpoint nel secondo set. Un successo pesantissimo perché vincendo il torneo 500 di Amburgo probabilmente arriva il momento di svolta della carriera di Musetti, che già da lunedì sarà numero 31 al mondo (e 19° nella Race).

Per ogni grande giocatore all'improvviso arriva un momento in cui si fa il salto di qualità. Quello di Musetti probabilmente è arrivato nel torneo di Amburgo. Poteva uscire al primo turno, quando ha dovuto cancellare due matchpoint a Lajovic, poi ha battuto giocando alla grande Ruusuvuori, Davidovich Fokina e Cerundolo prima della sfida impossibile con Alcaraz, sconfitto al termine di un match che ha dominato per larghi tratti. Dopo essersi sbloccato può solo continuare a galoppare e nei prossimi tornei estivi cercherà di confermarsi su livelli che ora sono davvero alti.

L'Italia del tennis era è pronta ad avere un terzo asso, dopo Berrettini e Sinner. Il titolo Slam, a livello maschile, manca da tempo, per ora non bisogna parlarne troppo, perché ci vuole forse ancora un po' di tempo, ma ormai l'invasione azzurra nei piani alti del tennis è iniziata, a settembre dopo gli US Open può partire l'assalto alla Coppa Davis. Perché capitan Volandri in squadra avrà pure un Musetti che ha fatto il primo grande step e non vuole fermarsi più.

Dopo la partita, Musetti ha preso il microfono ha elogiato Alcaraz: "Oggi hai salvato tanti matchpoint, sei un grande lavoratore, mi ispiro a te", poi ha ringraziato il suo team, che ha avuto un'aggiunta in questa settimana: "Finalmente sono riuscito a far piangere il mio coach Tartarini. Grazie a Umberto Rianna, che mi ha seguito per la prima volta".

Musetti è il quarto italiano che vince il torneo di Amburgo dopo Pietrangeli, Bertolucci e Fognini.
Musetti è il quarto italiano che vince il torneo di Amburgo dopo Pietrangeli, Bertolucci e Fognini.

Infine Musetti ha soprattutto dedicato alla famiglia, ai genitori e alla nonna, alla quale è legatissimo, il titolo vinto ad Amburgo: "Grazie ai miei genitori che non sono qui e che probabilmente stanno piangendo. Voglio ringraziare anche mia nonna. Dedico il titolo a lei. Le ho fatto rischiare un attacco di cuore".

E di nonna Maria, Musetti ha spesso parlato. Perché proprio nello scantinato della nonna da bambino ha cominciato a giocare a tennis. E in alcune interviste, in passato, ha dichiarato che quando sbarca in Italia, di ritorno dai tornei in giro per il mondo, si fionda dalla nonna, che gli cucina delle lasagne divine. E oggi nel momento più importante della carriera, per il momento, non poteva dimenticarla.

1.145 CONDIVISIONI
Sofia Raffaeli è una leggenda, quarta medaglia d'oro ai Mondiali e dedica speciale per le Marche
Sofia Raffaeli è una leggenda, quarta medaglia d'oro ai Mondiali e dedica speciale per le Marche
Il messaggio che non ti aspetti per Roger Federer:
Il messaggio che non ti aspetti per Roger Federer: "Avevo capito che eri speciale, ci mancherai"
Sonego trionfa a Metz e Bublik perde la faccia: si copre di ridicolo con un colpo senza senso
Sonego trionfa a Metz e Bublik perde la faccia: si copre di ridicolo con un colpo senza senso
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni