Olimpiadi Tokyo 2020
22 Luglio 2021
20:55

Djokovic a Tokyo cerca l’oro e insegue il Golden Slam: “Ora è un obiettivo realistico”

Novak Djokovic ha vinto gli Australian Open, il Roland Garros e Wimbledon e sogna concretamente il Grande Slam, per chiudere l’opera deve vincere US Open. Prima di volare negli Stati Uniti, il serbo cercherà di conquistare la medaglia d’oro alle Olimpiadi. Se vincerà a Tokyo e gli US Open sarà il primo tennista a realizzare il Golden Slam, che ha conquistato solo Steffi Graf nel 1988.
A cura di Alessio Morra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Una delle stelle più luccicanti del villaggio olimpico è Novak Djokovic, il numero 1 del mondo del tennis che ha vinto tre prove del Grande Slam nel 2021 e insegue un record clamoroso, anzi ne insegue tre e può ottenere anche il Golden Slam, per poterlo fare deve vincere anche a Tokyo, dove non ci saranno i suoi storici rivali Federer e Nadal, ma nemmeno Thiem (l'unico giocatore nato negli anni '90 ad aver vinto un titolo Slam) e Matteo Berrettini, fermato da un problema muscolare. Gli avversari sulla carta non mancano, ma non sono molti e Djokovic da veterano in conferenza stampa ha parlato di tante cose e ha detto pure che è un peccato giocare senza tifosi: "L’assenza del pubblico era un problema sì. Alla fine però ho pensato che le Olimpiadi sono sempre le Olimpiadi. E sono felice di aver deciso di venire".

Djokovic vincendo per la sesta volta il torneo di Wimbledon ha vinto la 20esima prova del Grande Slam, eguagliando Federer e Nadal, e soprattutto è rimasto in corsa per il Grande Slam, avendo vinto anche gli Australian Open e il Roland Garros, cosa che non accade nel tennis maschile dal 1969 (l'ultimo il mito Rod Laver). Ma tra le donne l'ultima giocatrice ad aver realizzato lo Slam è stata Steffi Graf in un 1988 magico, in cui la tedesca vinse pure l'oro olimpico, a Seoul. Graf ottenne il Golden Slam e Djokovic ha tutte le carte in regola per eguagliare Steffi Graf e compiere un'impresa di portata storica. E a proposito di questo ha detto: "Non parlo regolarmente con Steffi, ma sarei felice di sapere come ci è riuscita. Ho il massimo rispetto per lei, per il segno indelebile che ha lasciato nella storia del tennis. Non pensavo possibile che qualcuno potesse anche solo avvicinare la sua impresa, invece è diventato realistico, è diventato un mio obiettivo. Di Steffi mi ha sempre ispirato la sua mentalità: spero di averla anche io e usarla nella mia prossima missione".

Il cammino di Djokovic ai Giochi Olimpici 2021, i suoi possibili avversari

Il tabellone del numero 1 ATP è più che buono, al primo turno l'avversario è Hugo Dellien, poi sulla carta sfiderà Struff e Musetti negli ottavi, poi sulla carta avversari di rilievo ci sarebbero: Rublev (numero 7 del mondo), Zverev e uno tra Tsitsipas e Medvedev. Ma Djokovic, in conferenza stampa, ha pensato pure ai suoi soliti avversari, quelli che hanno saltato i Giochi di Tokyo: "Non ci sono né Roger Federer né Rafa Nadal: non ho fatto molti tornei senza di loro, è strano non vederli. Ma in questo torneo ci sono comunque alcuni dei migliori giocatori al mondo".

302 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni