27 Aprile 2022
17:05

Verstappen, Perez e Norris rivedono l’incidente di Leclerc: ammissione davanti alle telecamere

Alla fine del GP di Imola di Formula 1 2022 Max Verstappen, Sergio Perez e Lando Norris sono stati sopresi dalle telecamere mentre commentavano l’incidente occorso a Charles Leclerc. Il pilota McLaren ha ammesso che al posto del monegasco avrebbe fatto una scelta diversa trovando d’accordo anche l’olandese della Red Bull.
A cura di Michele Mazzeo

L'errore di Charles Leclerc al 52° giro del GP dell'Emilia Romagna di Formula 1 2022 ha compromesso la gara del monegasco della Ferrari e ha permesso alla McLaren di Lando Norris di conquistare un podio del tutto insperato alla vigilia data la fin qui lampante superiorità delle Red Bull e delle F1-75 rispetto alla sua monoposto. Secondo il giovane britannico però, nonostante il testacoda, con dieci giri di gara ancora da disputare, l'alfiere del Cavallino avrebbe potuto ancora riprendersi la terza posizione prima del traguardo se solo non si fosse fermato ai box per sostituire l'ala anteriore che ha leggermente urtato contro le barriere nel momento in cui la vettura numero #16 si è girata dopo aver perso aderenza per un cordolo preso troppo aggressivamente.

L'ammissione del driver della McLaren è avvenuta in diretta davanti alle telecamere di F1 TV nel retro-podio del circuito di Imola proprio al termine della gara vinta da Max Verstappen. Mentre Norris, l'olandese e Sergio Perez erano in attesa di essere chiamati per salire sul podio e festeggiare il risultato ottenuto nel quarto round stagionale, nello schermo presente nella sala d'attesa passavano le immagini dell'incidente occorso a Leclerc e i tre, ignari di essere ripresi dalle telecamere, hanno commentato senza peli sulla lingua quello che stavano vedendo.

A dare il via alla discussione è stato il messicano della Red Bull che ha chiesto se Leclerc avesse danneggiato l'ala  esprimendo poi tutto il suo stupore per il ritmo tenuto dal monegasco in quel momento: "Guardate come spingeva, ragazzi" ha infatti detto Perez trovando l'approvazione del compagno di squadra Verstappen mentre Norris analizzava l'errore ("Ha preso troppo cordolo. Io alla fine non prendevo più nessun cordolo" le parole dell'inglese).

Sempre Perez ha poi indirizzato la conversazione su quello che è successo dopo l'incidente: "Ma è riuscito a continuare, no?" ha chiesto il messicano vedendosi rispondere affermativamente dal compagno di squadra che gli ha fatto notare come l'ala anteriore della sua Ferrari di Leclerc fosse un po' danneggiata. A questo punto arriva l'ammissione di Lando Norris, sentitosi graziato dalla scelta del muretto del Cavallino di farlo rientrare ai box per sostituire l'ala: "Avrebbe dovuto continuare. Probabilmente sarebbe comunque stato più veloce di me" ha difatti ammesso il pilota della McLaren sostenuto nella sua tesi anche dal campione del mondo in carica Max Verstappen che ha chiuso questa conversazione rivolgendosi a Norris con un "Non so come fossero le gomme però ad essere onesti probabilmente hai ragione". E chissà se nel momento di sconforto post-gara nella testa di Charles Leclerc c'era anche un po' di rimpianto per quella scelta.

Capolavoro Leclerc, è in pole position a Baku: Perez e Verstappen alle sue spalle
Capolavoro Leclerc, è in pole position a Baku: Perez e Verstappen alle sue spalle
La Ferrari di Leclerc davanti a tutti nelle prove libere 2 a Baku: Perez 2°, Verstappen 3°
La Ferrari di Leclerc davanti a tutti nelle prove libere 2 a Baku: Perez 2°, Verstappen 3°
Verstappen vince il GP Canada davanti a Sainz. Super rimonta di Leclerc, è quinto
Verstappen vince il GP Canada davanti a Sainz. Super rimonta di Leclerc, è quinto
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
175
2
S. Pérez Red Bull
Red Bull
129
3
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
126
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
111
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
102
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
304
2
Ferrari
228
3
Mercedes
188
4
McLaren
65
5
Alpine
57
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni