124 CONDIVISIONI
4 Novembre 2022
20:33

Pioggia di polemiche sulla MotoGP dopo la nomina del sostituto di Uncini: è il nipote del CEO Dorna

Fa molto discutere la nomina del nuovo responsabile della sicurezza della MotoGP che prenderà il posto dell’ex pilota iridato Franco Uncini che lascia la Commission Safety dopo 30 anni. Accuse di nepotismo nei confronti del Ceo di Dorna Carmelo Ezpeleta che piazza altri due membri della famiglia in ruoli chiave del Motomondiale.
A cura di Michele Mazzeo
124 CONDIVISIONI

Nel weekend di Valencia che chiude il Mondiale 2022 della MotoGP e deciderà anche la lotta per il titolo iridato tra l'italiano Pecco Bagnaia e il francese Fabio Quartararo, una pioggia di polemiche si è abbattuta sugli organizzatori del Motomondiale. A suscitare l'indignazione di molti addetti ai lavori e di molti appassionati nei confronti della Dorna questa volta però non è stato però un episodio accaduto in pista o una decisione presa su un team o un pilota, bensì una nomina che suona molto strana. Sul circuito Ricardo Tormo di Cheste infatti l'ex campione del mondo della 500cc Franco Uncini, dopo 30 anni di servizio come responsabile della sicurezza FIM nella Safety Commission della MotoGP, al termine di questa stagione andrà in pensione. Il 67enne ex pilota italiano ovviamente aveva comunicato con largo anticipo la sua volontà di dire addio al mondo delle corse dando così il tempo alla Dorna di trovare un sostituto.

Arrivati al venerdì dell'ultimo gran premio dell'anno dunque la notizia del pensionamento di Uncini è stata resa pubblica e allo stesso tempo, in una conferenza stampa organizzata sul circuito Ricardo Tormo di Cheste nella quale era presente anche il Presidente della FIM Jorge Viegas è stato presentato colui che a partire dal 2023 prenderà il suo posto, ossia Tomé Alfonso Ezpeleta ex direttore dei circuiti di Aragon e Losail e attualmente capo del circuito Sokol International Racetrack in Kazakistan che dal prossimo anno (e almeno fino al 2028) ospiterà una weekend di gara del Motomondiale.

Nonostante il curriculum dell'erede di Uncini sia di tutto rispetto, ci si attendeva che, come è sempre stato finora, per quel ruolo si scegliesse un ex pilota (come lo sono gli altri componenti della Safety Commission di cui fa parte anche Loris Capirossi). Già questo dunque ha fatto storcere il naso a molti ma la cosa che ha dato il via alle polemiche è stato il fatto che l'uomo nominato come nuovo responsabile della sicurezza dei Gran Premi della FIM in MotoGP è il nipote di Carmelo Ezpeleta, CEO della Dorna e quindi boss indiscusso del Motomondiale, che a breve sarà raggiunto anche dalla compagna Tamara Matko destinata a diventare un membro permanente del pannello degli Stewards della FIM MotoGP.

Inevitabili dunque le accuse di nepotismo nei confronti del grande capo del campionato di motociclismo più prestigioso al mondo che sembra gestirlo come un affare di famiglia continuando ad inserire parenti nei ruoli chiave. Il nipote (e prossimamente anche la compagna) si aggiungono infatti ai cugini Carlos e Ana, i due figli di Carmelo Ezpeleta che già da diversi anni sono nel board di governo del Motomondiale: Carlos Ezpeleta riveste infatti un ruolo di primo piano nella Direzione Gara della MotoGP, mentre Ana Ezpeleta è la direttrice del dipartimento "Promozione del talento" di Dorna che si occupa di trasformare i giovani talenti in professionisti della MotoGP.

Con queste ultime mosse dunque la Dorna, che sulla carta dovrebbe gestire soltanto l'aspetto commerciale del Motomondiale, sembra aver messo le mani anche su tutti gli ambiti prettamente sportivi della MotoGP dato che ci sono membri della famiglia Ezpeleta a svolgere un ruolo importante nello svolgimento effettivo delle gare e ora anche a supervisionare (e decidere per) la sicurezza dei piloti e le penalità che ad essi vengono comminati. Una MotoGP che ha l'ambizione di diventare un fenomeno globale (seguendo l'esempio della Formula 1) ma che al contempo nella gestione diviene sempre più un affare di famiglia con scelte di certo poco condivisibili che fanno pensare più al nepotismo che ad un sistema meritocratico.

124 CONDIVISIONI
Ebuehi segna, Vicario para tutto. Dopo un finale ricco di polemiche l'Empoli batte 1-0 la Sampdoria
Ebuehi segna, Vicario para tutto. Dopo un finale ricco di polemiche l'Empoli batte 1-0 la Sampdoria
La Ducati deve già fare i conti con la rivalità tra Bagnaia e Bastianini:
La Ducati deve già fare i conti con la rivalità tra Bagnaia e Bastianini: "È un bastardo"
Bagnaia spiazzato dal Presidente Mattarella: sapeva del
Bagnaia spiazzato dal Presidente Mattarella: sapeva del "bottone magico" sulla Ducati
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
F. Bagnaia Ducati
Ducati
266
2
F. Quartararo Yamaha
Yamaha
248
3
E. Bastianini Ducati
Ducati
220
4
A. Espargaro Aprilia
Aprilia
212
5
J. Miller Ducati
Ducati
189
Pos.
Team
Punti
1
Ducati
448
2
Yamaha
256
3
Aprilia
248
4
Ktm
240
5
Suzuki
199
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni