Continua il tabù del 200° podio in MotoGP per Valentino Rossi che dopo aver perso il podio all'ultima curva nel primo GP di Misano (GP di San Marino e della Riviera di Rimini), vede sfumare l'obiettivo anche nel GP di Catalogna a nove giri dal termine. Il Dottore infatti  mentre si trovava in seconda posizione a caccia del leader Fabio Quartararo ha stretto troppo in curva con la sua M1 senza riuscire più a controllarla finendo così nella ghiaia e dovendo quindi dire addio anticipatamente alla corsa catalana che fin lì lo aveva visto grande protagonista insieme al suo allievo Franco Morbidelli.

Il 41enne di Tavullia, che il prossimo anno passerà in Petronas scambiandosi dunque la sella proprio con il francese che si è poi imposto a Barcellona, deve dunque rimandare ancora una volta l'appuntamento con quello che sarebbe per lui il 200° podio nella classe regina del Motomondiale. Non arrivano buone notizie per il nove volte campione del mondo dunque nel week end in cui ha annunciato il suo passaggio nel team satellite della Yamaha nel 2021. Con questa caduta al Montmelò, seguita a quella del GP dell'Emilia Romagna della scorsa settimana, infatti il marchigiano inoltre ha visto allontanarsi anche la possibilità di conquistare il decimo titolo mondiale della sua carriera.

Il Dottore adesso si trova infatti in 11a posizione nella classifica generale con un ritardo di 50 punti da Fabio Quartararo tornato in vetta al Mondiale dopo la vittoria a Barcellona (nella quale ha guadagnato diversi punti su Vinales che ha chiuso 9° e su Andrea Dovizioso caduto al primo giro dopo il contatto con Johann Zarco). Il più accreditato inseguitore del francese dunque adesso è il giovane madrileno della Suzuki Joan Mir che si trova a soli otto punti dal pilota Petronas.