Mick Schumacher pronto al salto in Formula 1 nel 2021. Il pilota della Ferrari Driver Academy, figlio della leggenda Michael Schumacher, durante il GP della Toscana al Mugello ha assaporato un'altra volta l'aria della classe regina del campionato automobilistico a ruote scoperte più prestigioso al mondo girando in pista prima della gara con la F2004 con cui il papà conquistò il suo settimo (il quinto con il Cavallino) e ultimo titolo iridato.

Un momento, quello inserito nel programma dei festeggiamenti per i 1.000 GP in F1 della scuderia di Maranello, che ha emozionato tutti i tifosi della rossa ma anche e soprattutto il giovane Mick che adesso vorrebbe tornare immediatamente su una monoposto da Formula 1, magari in una competizione ufficiale. E a breve ciò potrebbe accadere dato che il 21enne attuale leader del Mondiale di Formula 2 al Nürburgring nella prima sessione di prove libere del GP dell'Eifel di venerdì 9 ottobre, salvo imprevisti, dovrebbe scendere in pista con l'Alfa Romeo C39 al posto di Kimi Raikkonen.

Quella che vedremo in Germania potrebbe essere dunque un'anticipazione di quanto vedremo nella prossima stagione di Formula 1. Schumi jr, infatti, è al momento uno dei candidati, insieme a Robert Shwartzman e Callum Ilott (suoi compagni dell'Academy del Cavallino e rivali per il titolo 2020 di Formula 2) per passare alla scuderia del Biscione (cliente Ferrari) nel 2021.  Una conferma arriva dal team principal dell'Alfa Romeo, Frédéric Vasseur che prima del Gran Premio di Toscana Ferrari 1000 del Mugello ha dichiarato: "Sono sicuro che Mick Schumacher lo vedremo presto in Formula 1″.

Sul figlio di Michael Schumacher c'è però anche l'altra scuderia motorizzata dalla Ferrari, vale a dire la Haas. Il tedesco fa infatti parte della ristretta lista di nomi che il team principal Günther Steiner ha presentato al proprietario della squadra americana Gene Haas di cui fanno parte, oltre a Mick Schumacher, i due attuali driver Romain Grosjean e Kevin Magnussen, lo svincolato di lusso Nico Hulkenberg, le altre due stelline della Driver Academy di Maranello, Ilott e Shwartzman, e altri 4 piloti (tra i quali non c'è Sergio Perez che si svincolerà dalla Racing Point a fine stagione per far posto a Sebastian Vettel).