Dopo il secondo posto nel GP del 70° Anniversario di Silverstone, nel GP di Spagna Lewis Hamilton è tornato a dominare ottenendo pole position, gara condotta dall'inizio alla fine e la quarta vittoria stagionale che gli consente di allungare ulteriormente sugli inseguitori in classifica generale. Un successo importante per il sei volte campione del mondo che gli permette anche di avvicinarsi a due dei record più prestigiosi della storia della Formula 1, quelli relativi al numero di vittorie e di titoli iridati conquistati, detenuti entrambi dalla leggenda tedesca Michael Schumacher. Ma non solo. Il trionfo di Barcellona ha consentito infatti al pilota inglese di prendersi un altro storico primato di questo sport appartenuto fino a domenica proprio al campionissimo tedesco.

Lewis Hamilton nuovo primatista di podi in Formula 1: sorpassato Michael Schumacher

Al Montmelò infatti Lewis Hamilton è salito per la 156a volta su un podio di Formula 1, staccando difatti Michael Schumacher che ha concluso la sua carriera nel Circus con all'attivo 155 piazzamenti da podio. Un record che il pilota della Mercedes aveva eguagliato a Silverstone (raggiungendolo con molti meno gran premi disputati rispetto all'ex Renault e Ferrari) e che adesso ha suggellato con il definitivo "sorpasso" avvenuto con il successo nel GP di Spagna.

Hamilton: "Un onore essere accostato a leggende come Schumi, Senna e Fangio"

"Tutti noi piloti qui siamo cresciuti guardando Michael e abbiamo sognato di essere qui un giorno – ha detto Hamilton a riguardo a fine gara –. Quello che sta accadendo in questo momento è molto al di là di ciò che sognavo da bambino. Sono incredibilmente grato per l'opportunità che mi viene data ogni giorno. Penso che Michael fosse ovviamente un atleta e un pilota incredibile. Quindi mi sento sempre veramente onorato e onorato di accostato a un pilota come lui, o come Ayrton [Senna] e [Juan Manuel] Fangio. È molto bello. E spero che anche la mia famiglia ne sia orgogliosa".

Già +37 punti su Verstappen: Lewis veleggia verso il 7° titolo iridato (come Schumi)

Ma, come detto, ci sono altri due record che Lewis Hamilton vuole strappare a Michael Schumacher in questa stagione. Uno, quello relativo al primato di titoli iridati conquistati, lo sta ipotecando gara dopo gara con il vantaggio su Max Verstappen ora a quota 37 punti, ma lo potrà eguagliare soltanto al termine della stagione.

Tre vittorie per eguagliare un altro record di Schumacher (e potrebbe farlo già al Mugello)

L'altro, quello inerente le vittorie in Formula 1, potrà eguagliarlo (e anche superarlo) già nel corso del campionato Mondiale 2020. Quella ottenuta in Spagna è infatti l'88a vittoria conquistata dal 35enne di Stevenage in carriera che lo porta a soltanto tre lunghezze dal primato del tedesco (91 successi).  Il campione del mondo in carica dunque, dovesse vincere sia a Spa che a Monza, potrebbe avere la prima chance per raggiungere Schumi al Mugello, sul circuito di proprietà della Ferrari, proprio quella scuderia con cui il tedesco è diventato leggenda.