Brutto episodio nel finale della ventesima e penultima tappa del Giro d'Italia 2019. A pochi chilometri dall'arrivo un tifoso ha provocato la caduta di Miguel-Angel Lopez, leader della classifica dei giovani della 102a edizione della corsa in rosa. Il classe 1994 colombiano del Team Astana ha perso letteralmente le staffe nei confronti dello spettatore e dopo essersi rialzato lo ha colpito con una serie di schiaffi. A trionfare sul traguardo del Monte Avena è stato Pello Bilbao, con l'ecuadoregno Richard Carapaz che ha mantenuto la maglia rosa ipotecando il trionfo. Niente da fare per Nibali che nonostante l'attacco non è riuscito a guadagnare terreno nei confronti del leader della classifica.

Giro d'Italia 2019, tifoso provoca caduta di Miguel-Angel Lopez che si rialza e lo schiaffeggia

Un eccesso d'entusiamo è costato caro ad un tifoso nella penultima tappa del Giro d'Italia 2019. Il sostenitore come spesso accade nelle tappe di montagna ha lasciato il suo posto a bordo strada per correre al fianco dei ciclisti, con l'intento di incoraggiarli. Uno scontro con un altro spettatore ha fatto finire il tifoso su Miguel-Angel Lopez che è rovinosamente caduto a terra. Il giovane talento colombiano ha provato a rimettersi in sella anche con l'aiuto di un collega, ma prima si è scagliato contro chi ha causato l'incidente prendendolo a schiaffi. Una reazione furiosa per l'atleta che poco dopo si è rimesso in sella provando a recuperare terreno quando mancavano ormai pochi chilometri al traguardo

Bilbao vince la 20a tappa del Giro d'Italia. Carapaz mantiene la maglia rosa, e ipoteca la vittoria

Per quanto riguarda la tappa, a trionfare nella ventesima e penultima tappa del 102esimo Giro d'Italia, la Feltre-Croce d'Aune (Monte Avena) di 194 chilometri è stato lo spagnolo  Pello Bilbao (Astana). Giornata da incorniciare per Richard Caparaz che è riuscito a mantenere la maglia rosa del leader della classifica, lasciando inalterato il vantaggio su Nibali. Lo "Squalo" si è reso protagonista comunque di una prova eroica e dopo un'iniziale crisi ha provato ad attaccare a più riprese, riuscendo però solo a blindare il secondo posto davanti allo sloveno Roglic. Domani si disputa la 21esima e conclusiva frazione della corsa Rcs, una cronometro individuale di 17 chilometri con partenza ed arrivo a Verona.