16 Settembre 2022
8:52

Svolta nel caso Hamraoui, arrestata di nuovo l’ex compagna: la rivalità al PSG dietro l’aggressione?

Colpo di scena nelle indagini sull’aggressione della calciatrice del PSG Kheira Hamraoui, con il nuovo arresto della compagna Aminata Diallo.
A cura di Marco Beltrami
Foto di squadra per il PSG, con Diallo e Hamraoui
Foto di squadra per il PSG, con Diallo e Hamraoui

L'inchiesta sulla brutale aggressione alla calciatrice del PSG Kheira Hamraoui continua a regalare colpi di scena. L'ultimo, assolutamente inaspettato, è rappresentato dal nuovo arresto della compagna di squadra Aminata Diallo, che questa mattina è stata prelevata dagli agenti della polizia giudiziaria che l'hanno poi posta sotto custodia. A distanza di un anno dunque la classe 1995 torna nel mirino degli inquirenti che a quanto pare sono vicini a chiudere il cerchio e a fare definitiva chiarezza sui mandanti della "spedizione punitiva" andata in scena circa un anno fa.

Era infatti il 4 novembre 2021 quando si verificarono i fatti. Dopo aver accompagnato l'altra calciatrice Sakina Karchaoui, Kheira Hamraoui e Aminata Diallo di ritorno da una cena di squadra, vennero sorprese da alcuni malviventi. Questi avevano messo nel mirino solamente la prima, che venne ripetutamente e violentemente colpita con sprangate sulle gambe. Momenti di terrore per la Hamraoui che temette anche il peggio, vedendo a suo dire anche la morte in faccia.

Inizialmente le indagini si concentrarono proprio sul ruolo di Aminata Diallo, che infatti fu arrestata e ascoltata per ben 40 ore in questura. Inizialmente infatti si pensava che l'aggressione fosse legata ad una rivalità sportiva, o a questioni di spogliatoio in sospeso. Una pista però che fu abbandonata subito, con la Diallo rilasciata, per concentrarsi invece su quella di natura passionale: le frasi urlate da uno degli aggressori ("Così impari ad andare con gli uomini sposati"), sembravano una conferma che la direzione fosse quella giusta.

Da quel momento in poi, la vicenda è diventata torbida con le indiscrezioni sulla movimentata vita privata della Hamraoui (la sua relazione con Abidal che ha portato poi alla fine del matrimonio dell'ex esterno del Barcellona e dirigente), e sullo spogliatoio schierato contro di lei anche e soprattutto per motivi extra-campo, con rivelazioni scottanti e scambio di messaggi anche tra calciatrici e calciatori bleus. Nei giorni scorsi poi la notizia dell'arresto di quattro uomini sembrava rappresentare un punto di svolta, con almeno tre di loro che hanno ammesso di essere stati presenti sul luogo dell'aggressione.

Ecco allora che il cerchio si sta stringendo visto che, stando a quanto riportato da RMC e da Journal du Dimanche, Aminata Diallo è stata prelevata dagli agenti della polizia giudiziaria mentre si trovava nella sua abitazione e arrestata. Dunque gli inquirenti sono tornati sui propri passi, e dunque sulla scia della rivalità tra le due giocatrici. Bisognerà scoprire se l'aggressione è stata però commessa in un contesto legata al calcio, o alla vita privata, con la Diallo che si è sempre dichiarata del tutto estranea ai fatti e dunque innocente. Nelle prossime ore potrebbero arrivare ulteriori novità.

Kane e compagni incontrano i lavoratori migranti, ma è tutto finto: dietro c'è un amaro trucco
Kane e compagni incontrano i lavoratori migranti, ma è tutto finto: dietro c'è un amaro trucco
Mbappé litiga con un ex compagno: gestaccio osceno nel tunnel, le telecamere vedono tutto
Mbappé litiga con un ex compagno: gestaccio osceno nel tunnel, le telecamere vedono tutto
L'Arsenal non dimentica Pablo Marì: gol e dedica all'ex compagno, accoltellato ad Assago
L'Arsenal non dimentica Pablo Marì: gol e dedica all'ex compagno, accoltellato ad Assago
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni