La Serie A è iniziata da sole 4 giornate e ci sono già alcuni allenatori che rischiano di essere esonerati. Difese fragili, sistemi di gioco ancora da limare e l'utilizzo probabilmente errato dei nuovi acquisti, sono le cause di questi possibili ribaltoni in panchina nel massimo campionato italiano. Già al termine della scorsa stagione, ad esempio, c'era già il dubbio che Iachini potesse essere all'altezza di una Fiorentina ambiziosa. Il pareggio in rimonta dello Spezia ieri, contro la viola, ha infatti confermato questi tesi di inizio campionato con il club di Commisso che potrebbe pensare, a breve, magari dopo un altro passo falso del tecnico di Ascoli Piceno, di passare all'esonero del tecnico.

Iachini è però in buona compagnia dato che anche a Torino le cose non stanno andando nel verso giusto. "Mi aspettavo un altro inizio" ha dichiarato al termine della sconfitta di ieri in casa contro il Cagliari, il tecnico dei granata Marco Giampaolo che è reduce da ben 3 ko in 3 partite (c'è da recuperare la sfida contro il Genoa). Nonostante un mercato minuzioso e ponderato da parte della società di Cairo, la panchina del tecnico del Toro ora scricchiola. A sorpresa, tra Iachini e Giampaolo, potrebbe inserirsi anche Sinisa Mihajlovic che con il suo Bologna ha perso 3 partite in 4 turni di campionato con il derby contro il Sassuolo di domenica perso in rimonta.

Serie A, rischiano di saltare 3 panchine: Fiorentina, Torino e Bologna

Al termine della quarta giornata di campionato, nonostante questa sera si debba ancora giocare Verona-Genoa che andrà a completare il turno di Serie A, sono ben 3 le panchine che già rischiano di saltare. Iachini a Firenze ha dimostrato di non riuscire a gestire al meglio un parco attaccanti invidiato da mezza Serie A: Ribery, Kouame, Vlahovic e Cutrone. Non tanto per la qualità dei giocatori, quanto per il numero di giocatori a disposizione da poter far ruotare. Senza dimenticare l'arrivo di Callejon, la Fiorentina è comunque reduce da 1 successo, 1 pareggio e 2 sconfitte con un totale di 8 gol subiti e 7 realizzati. Il pareggio di ieri contro lo Spezia inizia a preoccupare la società. L'ombra di Sarri e Spalletti già comincia a farsi largo dalle parti della Fiesole.

E che dire del Torino che nonostante gli acquisti di Linetty, Vojvoda, Ricardo Rodirguez, Bonazzoli, Gojak e Murru, non è ancora riuscito a vincere una partite. Ben 3 sconfitte con il solo Belotti capace di trascinare i granata con i suoi gol. Una media di 8 gol subiti per i granata e la consapevolezza che si debba fare molto di più. Giampaolo ha cercato di far girare al meglio la squadra ma al momento non sta funzionando e Cairo non vorrebbe ritrovarsi a giocare ancora una volta un campionato per la salvezza così come accaduto lo scorso e la sconfitta di ieri contro il Cagliari (2-3) ha dimostrato i tanti limiti di squadra. Tra i possibili sostituti di Giampaolo, avanza con forza il nome di Ventura, lo scorso anno alla Salernitana. Sarebbe un ritorno per l'ex Ct dell'Italia.

A sorpresa, al termine del quarto turno di Serie A, anche la panchina di Sinisa Mihajlovic a Bologna potrebbe non essere più così solida. Il tecnico degli emiliani ha perso il derby contro il Sassuolo dopo una rimonta incredibile da parte dei ragazzi di De Zerbi. I rossoblù subiscono gol, sistematicamente, dal 25 settembre 2019, praticamente più di un anno per un totale di 37 gare di fila e 71 gol incassati da Skorupski. Un record negativo che adesso sta portando la società emiliana a fare qualche riflessione circa la prosecuzione del rapporto con il tecnico serbo.